Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto e la sicurezza nella navigazione.
( Normativa europea - Decreto legislativo 69/2012 e 70/2012,  provvedimento del garante privacy  8/4/2014, gazzetta ufficiale 126 3/6/2014,  obbligo di legge dal 3/6/2015) .

La presente Cookie Policy è relativa al sito www.nuovapoesia.com (“Sito”) gestito e operato da Cristiano Sias, via G.Mazzini 48, 15060 Vignole Borbera (AL), C.F. SSICST54P05E004Z (“Cristiano  Sias").

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:
I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:
I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre il Sito utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Il Sito non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; il Sito a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy del Sito si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:
I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.

Cookies essenziali:
Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:
Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Cookies di condivisone sui Social Network:
Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di CookiePrima parte Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàRecuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
DurataCookie persistente
  
2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàMemorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)
  
3) Tipologia di CookiePrima parte - Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàPersonalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)


Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permette di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto dal Sito stesso.

nuovapoesia.com

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Scritto da Carmen Cantatore. Pubblicato in Prosa il 01 Feb 2017.
Hot 548 visualizzazioni 0 piaciuti

 Dovete sapere che le fiabe, come tutte le storie, nascono da fatti reali. Oggi si chiamerebbero 'leggende metropolitane' ed io che amo riflettere, ho imparato a cercare una verità nei racconti che la mia mamma narrava nelle sere d'inverno davanti al camino... Ehm, comincio già a farmi prendere la mano. Dovete sapere che i personaggi delle fiabe sono esistiti veramente. In tempi antichi esseri umani come noi facevano le stesse cose che facciamo noi e, come ora, venivano riportate di bocca in bocca: i pettegolezzi, appunto. Nessuno sfuggiva a questa procedura. Per quanto si tentasse di mantenere i segreti, puff, essi saltavano fuori quando meno se lo aspettavano. E via, di bocca in bocca! Ogni lingua metteva del fiato e la cosa ingigantiva, ingigantiva, ingigantiva... Biancaneve e Cenerentola non furono da meno, due povere ragazze sprovvedute con la convinzione di sapersi proteggere! Vivevano in due paesi vicini, lungo le rive di un fiume che bagnava tutti i villaggi del regno. Entrambe vivevano nella trepida attesa del loro Principe Azzurro ma, ancora, non si conoscevano. Il governatore di quel territorio aveva un figlio, un po' deficiente per la verità, era anche un bel giovanotto ma, a detta delle voci maligne, i genitori s'erano impegnati molto per il suo fisico, nulla per il suo cervello, tant'è che passava le sue giornate a cavallo convinto com'era di mostrare il meglio di sé. Le fanciulle del regno rimanevano affascinate dall'aitante centauro che le corteggiava spudoratamente ma, dopo alcuni brevi incontri, l'idillio finiva tra erre strascicate, esse scivolate e stridenti vocali strillate al vento. Ragion per cui il giovanotto non era ancora riuscito ad impalmare alcuna donzella per garantirsi la discendenza. E questo la dice lunga sulle sue impellenze. Le comari di ogni villaggio non facevano che stare sedute sulla porta di casa e, ogni volta che il baldo pretendente passava, scovavano nuovi particolari per arricchire le loro deliranti profezie su un possibile matrimonio. E lui continuava a cavalcare il suo puledro ormai stanco di portare a spasso tanto ignobile cavaliere. Il quadrupede vantava nel suo pedigree un antico avo di nobile lignaggio ma di stirpe somara, ragion per cui ogni tanto puntava le zampe anteriori, disarcionandolo. Fu così che conobbe Biancaneve, a seguito di una caduta da cavallo, dovrei dire da somallo, vista la genealogia ma non perdiamoci in chiacchiere. Dove eravamo? Ah, si, il somallo. Biancaneve, poverina, tutta preoccupata lasciò il bucato in riva al fiume per correre in soccorso del guapo che la guardò con occhi sdolcinati conquistandola immediatamente. Perduti ognuno nel volto dell'altra, si promisero nuovi incontri non appena il possente fondo schiena del malcapitato fosse guarito. Quando il deretano del nostro eroe fu di nuovo in forze, le galoppate ripresero con più foga di prima e tutte le comari stavano in apprensione. Oramai le verginelle da marito cominciavano a scarseggiare, infatti, ogni fanciulla che aveva avuto l'onere di consumare alcuni incontri con un tale esponente del buon partito, in breve dribblava gli appuntamenti e convolava felicemente a giuste nozze con un esemplare forse un tantino più zotico ma sicuramente dal cervello più fino. A questo punto le comari pettegole, provinciali e meschine aguzzarono la vista per tenere d'occhio il figlio del governatore, annusando l'aria gravida di novità. Non passò molto tempo che il nostro protagonista inciampò (è proprio il caso di scrivere) su Cenerentola a zonzo per i boschi, in cerca di legna per il suo camino. Lui, l'erede, con la testa fra le nuvole pensando a Biancaneve, non se ne avvide e quasi calpestò la dolce fanciulla che, per lo spavento, svenne. Il cavallo, molto più intelligente del cavaliere, con un guizzo scartò sul sentiero, puntò le zampe anteriori e con un colpo di reni, atterrò il suo carico giusto giusto davanti al naso della bellissima Cenerentola. Inutile dire che quando la giovane riaprì i suoi dolcissimi occhioni fu subito amore. Tornando verso l'avita dimora, l'impaccio del nostro eroe era evidente: in breve aveva incontrato ben due fanciulle ed una lo intrigava più dell'altra ma, tapino, non avrebbe saputo dire quale. Iniziò così un parapiglia di incontri che lo vedevano ogni sera stremato dalle innumerevoli cavalcate tra un villaggio e l'altro ben deciso, poveretto, a far sì che nessuna delle due promesse scoprisse lo squallido intrigo. Figuratevi le comari, quando cominciarono a subdorare tutta la messinscena. Un vento impetuoso di tramontana portava ogni giorno nere nuvole di chiacchiere e calunnie in ogni dove. Non passò molto tempo che alle due fanciulle sortissero spontanee alcune inquietanti domande. La prima volta fu quando Romualdo, questo il nome dello sprovveduto spasimante, per puro caso lisciando i neri capelli di Biancaneve sussurrò al suo orecchio: "Quanto ti amo, Cenerentola!" In un primo momento lei credette di avere inteso male ma lui, sognante, ripeté di nuovo le stesse identiche parole. Si alzò imbronciata e tornò a casa, piantandolo solo soletto nel bel mezzo del bosco. Lungo la via incontrò una vecchia ciarlona che, vedendola sconsolata, le chiese il perché di tanto abbattimento e la giovane scoppiò a piangere. Alla vecchia megera non sembrò vero di poter raccontare tutti i pettegolezzi del paese e attaccò una solfa che durò per tutto il cammino fino al villaggio e il sentiero s'inzuppò di lacrime. "Eh, cara mia, altro che Principe Azzurro era quello!" Naturalmente la stessa cosa accadde a Cenerentola perché Romualdo era proprio tonto. Fu lei, la giovane colf del sindaco, a decidere la strada da intraprendere, era abituata alle difficoltà, lei, era abituata ai soprusi, lei, per questo motivo non se ne ebbe troppo a male. Inoltre, nei giorni del corteggiamento, ebbe sentore della cosa, essendo sempre stata una figlia molto riflessiva e osservatrice e non le erano sfuggiti gli sguardi delle tronfie comari. Determinata a difendere la propria onorabilità prese in mano la situazione e si recò da Biancaneve. In un primo momento dovette affrontare l'ira furiosa del Pelide Achille... Ops, no, scusatemi, questa è un'altra storia... Certo è che incavolata lo era davvero e poco ci mancò che venissero alle mani. A Cenerentola fu necessaria tutta la pazienza e la soave sensibilità per trattenere la rivale dal compiere gesti inconsulti ma, con la gentilezza proverbiale che la dura vita aveva sviluppato in lei, seppe porsi nella giusta prospettiva e la piccola pantera si calmò. Per un giorno intero confabularono insieme,architettando una degna vendetta finché raggiunsero, concordi, una risoluzione: si sarebbero mostrate insieme, a passeggio, per tutti i villaggi del regno, felici e contente, ridendo e scherzando, allegre più che mai, dimentiche delle amare vicissitudini subite. E fu così che Biancaneve e Cenerentola (rigorosamente in ordine alfabetico) si svegliarono e scoprirono che quello stronzo del Principe Azzurro le aveva fottute tutte e due... Non si persero d'animo, unirono le doti peculiari di cui andavano sommamente fiere e lo mandarono a farsi un bidone di sorci verdi... Come se li sarebbe fatti sarebbe stato un problema suo... Ma tutte e due continuarono a vivere felici e contente, meglio di prima!


Carmen Cantatore

Autore: Carmen Cantatore

63 523 64

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
2 Non mi piace0
5 1 1 1 1 1 Gradimento medio 5.00 (Voti 1)

Guarda tutti gli scritti di Carmen Cantatore

Vota questa pubblicazione

55

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Catturata fino alla fine! E che storia! Sicuramente intrigante... ma mi hai spiazzata!
    Ero affezionata alla versione originale delle due favole e poi il ballo a corte, la carrozza di cristallo, la fatina... posso rinunciare ai nanetti dell'altra eroina, ma un principe tonto in due...
    Scherzi a parte, la narrazione scorre come un fiume in piena!

    Spero che le due verginelle trovino almeno qualche compaesano dal cervello fino per accasarsi e dare degna discendenza ai due regni! E, magari, anche divertendosi un po'...

    Bravissima!

  • In risposta a: ester

    Grazie Ester, è venuta così, da tempo avevo scritto la chiusa e da questa è tracimato il resto della storia! :D

    Ultima modifica commento 2 anni fa da Carmen Cantatore

Giovedì, 23 Maggio 2019 21:42
Giovedì, 23 Maggio 2019
Oggi vi consigliamo

Guarda la pagina di
  • Sara
  • karlson oscar
  • james
  • Massimo Pacelli
  • testinga
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 54
  • Ospiti: 1,463
56 Utenti 459 Articoli 29 Web Links 344540 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop