Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto e la sicurezza nella navigazione.
( Normativa europea - Decreto legislativo 69/2012 e 70/2012,  provvedimento del garante privacy  8/4/2014, gazzetta ufficiale 126 3/6/2014,  obbligo di legge dal 3/6/2015) .

La presente Cookie Policy è relativa al sito www.nuovapoesia.com (“Sito”) gestito e operato da Cristiano Sias, via G.Mazzini 48, 15060 Vignole Borbera (AL), C.F. SSICST54P05E004Z (“Cristiano  Sias").

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:
I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:
I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre il Sito utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Il Sito non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; il Sito a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy del Sito si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:
I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.

Cookies essenziali:
Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:
Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Cookies di condivisone sui Social Network:
Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di CookiePrima parte Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàRecuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
DurataCookie persistente
  
2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàMemorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)
  
3) Tipologia di CookiePrima parte - Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàPersonalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)


Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permette di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto dal Sito stesso.

nuovapoesia.com

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Scritto da Gianfranco Pasanisi. Pubblicato in Prosa il 21 Ott 2016.
Hot 587 visualizzazioni 0 piaciuti

Un sogno ha cambiato la mia vita, il modo di pensare, di comportarmi.

Mi ha trasformato nell’intimo, mi ha geneticamente modificato.

Ora non sono più quello di un tempo, non mi appartengo più, non so riconoscermi, ho smarrito la personalità che mi rendeva unico, diverso da qualsiasi altro individuo.

Qualcosa si è insinuato nel mio cervello, un che di estraneo, degli anioni che mi danno una carica negativa.

Da allora non ragiono più con la mia testa, la mente è guidata da una forza misteriosa, condizionante, fuorviante.

Ricerco in me il passato primigenio, il mio senso critico, l’originalità del pensiero, i tratti salienti dell’essere me stesso, ma tutto è vano, non mi ritrovo, mi confondo.

Dov’è riposta l’essenza del mio ego, dove è stata ricacciata, chi me l’ha rubata, chi se ne è appropriato a mia insaputa?

Ignaro, me lo domando, investigo, cerco le ragioni del mutamento che è avvenuto nel mio intelletto.

Sono prigioniero di quell’allucinazione onirica, sequestrato, limitato con l’inganno nella libertà di espressione, nella capacità di agire, di intendere e di volere.

Ho la sensazione di essere un automa, un clone, un reiterante, un soggetto omologato.

Tutto è avvenuto quella sera, una tra tante, uguale alle altre.

Disteso sul divano, mi ero da poco addormentato anestetizzato dal battito elettronico della televisione quando l’incubo si è presentato sotto forma di visione.

Mi sono ritrovato in sala operatoria, disteso sul lettino, mani e piedi bloccati dalla stretta morsa di legature di cuoio.

La scena, irreale, si presentava in tutta la sua assurdità.

Due uomini e due donne abbigliati con tute, cuffie e mascherine verdi, predisponevano le strumentazioni chirurgiche, le apparecchiature medicali computerizzate e controllavano i requisiti impiantistici degli erogatori di ossigeno e di protossido di azoto.

Ero in uno stato di blocco epidurale ma potevo guardare le immagini dei chirurghi riflesse nella cromatura della lampada scialitica e il loro abito con la scritta “Esperto televisivo “.

Intorno al tavolo operatorio due telecamere smisurate, manovrate da abili cameramen riprendevano con occhio indiscreto lo svolgersi dell’azione.

<< Questo è il penta milionesimo paziente >> osservò uno dei due uomini.

<<Con questi ritmi riusciremo a finire le operazioni in qualche settimana >> dichiarò l’altro.

<< Ce ne sono alcune centinaia di migliaia in lista di attesa inviateci dalle emittenti private e locali>> considerò quella delle due donne che sembrava la più informata.

Nei loro occhi lessi un indizio di sadismo.

Cominciai a tremare, a temere per la mia sorte ma ero bloccato, anchilosato.

Le ho sentite quelle voci compiaciute, li ho avvertiti, quei sogghigni di soddisfazione manifestarsi sotto le mascherine sterili! E tutt’ora li percepisco, sono la mia ossessione.

Non sono in grado di descrivere in quale stato di umiliazione mi trovassi in quell’istante terrificante ma mi sentivo disumanizzato, in loro balìa, impedito nella reazione.

Poi dovetti assistere alla scena più agghiacciante: l’apertura del cranio e l’asportazione della materia grigia sostituita con un reticolo di fili sottili, con diodi, con micro chip, con led, con microscopici organismi cibernetici, con sistemi integrati producenti impulsi elettrici.

Avrei voluto gridare tutta la mia rabbia, il mio risentimento ma ero annichilito, sedato.

Dopo quel sogno allucinante sono insorte in me gravi alterazioni comportamentali: sono diventato un essere senz’anima, un uomo bionico che vive in una sorta di suggestione subliminale.

Ogni volta che accendo il telecomando del televisore avverto nella cassa cranica un ronzio, un crepitio indiavolato, un luccichio frenetico, delle fastidiose intermittenze di suoni e di luci.

Tutto in me si snatura.

Vorrei liberarmi da quest’oppressione ma, ovunque volga lo sguardo, vi sono ripetitori che interferiscono con i miei pensieri.

Sono dappertutto: sui tetti delle case, sugli spazi aperti della città, insistenti vicino alle scuole, agli uffici pubblici, alle abitazioni.

Sono dei mostri silenziosi, scheletrici, spigolosi, dall’apparenza innocua.

Si presentano alti, dominanti, incombenti.

Il cervello conduce con loro un’impari lotta, non riesce ad appropriarsi pienamente delle sue funzioni, non ha più il dono dell’immaginazione: resiste, combatte, soccombe.

E’ sbaragliato da una forza dominante, è annientato.

Non amo più le persone e le cose di un tempo, ho cambiato le mie abitudini, è mutato il mio sentire, non provo più le stesse emozioni del passato.

Ho modificato anche i miei gusti… In tutto.

Degli stereotipi si sono sostituiti al mio modello di vita, ai valori che erano solidi e radicati in me.

Devo ritrovare me stesso, la lucidità mentale, il mondo interiore, la singolarità della mia persona.

Devo decontaminarmi; lo esige quella parte di me che timidamente sopravvive a quel mostruoso sogno.

Ho deciso: andrò a vivere in un bosco, lontano dai campi magnetici, dalle scintillazioni ipnotizzanti.

Mi immergerò nella natura.

Essa saprà accogliermi nel grembo di madre affettuosa. E finalmente ritornerò a vivere, felice e in sintonia con me stesso; senza turbamenti.

 

 

 


Gianfranco Pasanisi

Autore: Gianfranco Pasanisi

53 175 55

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
4 Non mi piace0
5 1 1 1 1 1 Gradimento medio 5.00 (Voti 1)

Guarda tutti gli scritti di Gianfranco Pasanisi

Le sue ultime pubblicazioni:

Vota questa pubblicazione

55

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Ammirato, coinvolto, aspetto una continuazione di quello che sembra un racconto di onirica follia che credo ancora tanto debba dire, in simboli e allegorie, fra metaforiche e profonde battaglie dell'io. Apprezzato, bentrovato, a rileggerti ancora.

  • " andrò a vivere in un bosco, lontano dai campi magnetici, dalle scintillazioni ipnotizzanti."

    Temo che ormai sia troppo tardi, sia per il protagonista come per noi, ormai al centro di mille sollecitazioni strumentalizzanti, controllati nei gusti e nelle scelte, condizionati di conseguenza. E' l'allegoria del tempo in cui viviamo, cellulare alla mano, perennemente attaccati alla cellula più vicina che ci rimanda tutto...
    Una volta in mano si teneva il guinzaglio del nostro amico quadrupede, fedele e obbediente. Ora siamo noi ad obbedire a stimoli estranei...
    Nemmeno nel bosco più lontano saremo sicuri, se non tagliamo il cordone ombelicale che ci trattiene e ci condiziona, perennemente connessi: è la nostra condanna!

Domenica, 19 Maggio 2019 23:09
Domenica, 19 Maggio 2019
Oggi vi consigliamo

Guarda la pagina di
  • Sara
  • karlson oscar
  • james
  • Massimo Pacelli
  • testinga
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 54
  • Ospiti: 290
56 Utenti 459 Articoli 29 Web Links 342897 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop