nuovapoesia.com Scrittori e Poeti del Web

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1

Accedi per votare il brano


Gradimento medio 0.00(Voti 0)
Scritto da michela. Pubblicato in Prosa il 05 Set 2022.
Hot 982 visualizzazioni 0 preferiti

E’ un pomeriggio qualunque , il bosco alita un’aria fredda e pungente, la nebbia avvolge il paesaggio che mi circonda, i miei passi , sul soffice tappeto di aghi di pino, non disturbano il magico silenzio che tutto avvolge interrotto soltanto dal ciarlare degli uccelli che svolazzano attorno ad una conca d’acqua.

Libera, affondo il mio spirito nei cristalli di nebbia, affido a loro i miei pensieri che fluttuano nell’aria . A passi felpati percorro i sentieri che si snodano tra gli alberi maestosi e  proiettano i loro rami verso l’alto , quasi a volere toccare il cielo, ascolto il respiro del bosco che si fonde con il mio.

Il canto della natura mi avvolge , mi sfiora lieve come un battito d’ali , donando ai miei ricordi una sinfonia che li fa volare sempre più su tra le cime stesse degli alberi che,  a tratti, mi regalano spicchi di azzurro mentre, goccioline di nebbia, si posano sui miei occhi .

Un angolo, una pietra che sembra un comodo sedile vicino al ruscello, mi invita a raccogliere  memorie sempre vive e presenti.

Le foglie stanche che calpesto sembrano gridarmi: “Coraggio, noi rifioriremo , il nostro humus nutrirà il bosco e rinasceremo virgulti a primavera per continuare il ciclo della vita e tornare a brillare sotto i raggi del sole”.

Non voglio rifiorire a primavera ma voglio godermi l’attimo , mi lascio trasportare dalle lancette impazzite dell’orologio che si lanciano in una corsa indietro nel tempo tra gli odori pungenti del bosco. 

In quella sottile atmosfera mi raggiunge  un sorriso raggiante, uno sguardo, colore del cielo, m’invita, tendo la mano, vedo riflessa la mia immagine,  ma il tempo impietoso non regala altro tempo e ridona le forme al presente.   

Un piccolo coniglio corre,  si lancia  giù verso la valle e raggiunge  uno spazio senza ostacoli.

L’acqua continua il suo perenne mormorio, capisco la sua voce; cancello ad uno ad uno i miei pensieri percorrendo i sentieri delle chiocciole.

Guardo il ruscello, raggiungo la sua acqua limpida , mi lascio accarezzare dalla sua energia. Schiudo la finestra della vita sul mondo che mi circonda  , mi vedo  camminare a piedi nudi sull’acqua.

Sulla riva del ruscello, arrotolati, i miei ricordi odorano già di muschio.  


michela

72 594 75

  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

Guarda tutti gli scritti di michela

Le sue ultime pubblicazioni:

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



A michela piace il commento su Tempo sospeso
A Cristiano Sias piace il commento su L'assoluto
Iniuriam qui facturus est, iam facit. (Seneca)
Iniuriam qui facturus est, iam facit. (Seneca)
A michela piace il commento su Tempo sospeso
A Cristiano Sias piace il commento su L'assoluto
A Carmelo piace il commento su Riflessione
Cristiano Sias ha commentato Riflessione
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 54
  • Ospiti: 430
58 Utenti 738 Articoli 1636037 Visite agli articoli 20 Web Links

Grazie da Nuovapoesia

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   Timeline