La libreria più grande del mondo!


La libreria più grande del mondo!

1 1 1 1 1

Accedi per votare il brano


Gradimento medio 3.00(Voti 1)
Scritto da michela. Pubblicato in Prosa il 02 Ago 2022.
114 visualizzazioni 0 preferiti

(la sognatrice)

La sognatrice è una donna  che se ne  sta per conto suo , del resto, lei pensa, è meglio stare da soli che  in compagnia e sentirsi veramente  soli.

Essere sognatori è pericoloso ,  porta, prima o poi, a fare i conti con la realtà. Il nodo in gola persiste, quel dolore al petto diventa più intenso di quanto non si voglia  ammettere.

Il sole sta iniziando a salutare il cielo , pronto ad addormentarsi per fare spazio alla sera. La sognatrice  si gode il tramonto, le emozioni che prova saziandosi di quei colori caldi,  coinvolgono tutto il suo essere e il panorama che la circonda  .

Il cammino intrapreso fino al quel momento  la fa riflettere, vede scorrere dinnanzi a sé  pagine di  vita.

Ama tantissimo quell’attimo prima  che il sole scompaia  all’orizzonte e immagina tutte le cose belle che avrebbe voluto accadessero prima o poi. La  sua  anima  profuma di speranza e nonostante tutte le avversità che la vita gratuitamente le ha  presentato non smette  mai di  sognare.  Prova tanta tenerezza per se stessa , una sognatrice inguaribile, lo era stata per tutta la  vita , sempre cercando un proprio posto nel mondo.

Non si era mai sentita a suo agio con nessuno, in qualunque posto,  aveva avuto  sempre  una costante sensazione di disagio a farle compagnia; non aveva mai trovato nessuno pronto a capirla e nonostante le persone di cui spesso si circondava , si era sentita incredibilmente sola.

Ma adesso è cambiata , il posto nel mondo l’ha trovato, è  dentro di sé,  proprio dove batte il cuore , dove fluisce il sangue, dove abita il respiro, dove s’increspa  il pianto, dove nasce il riso, dove sorge l’amore . 

Adesso, la sognatrice, non riuscendo a staccare gli occhi dalla visione del tramonto , sente  un brivido che le  attraversa  tutto il corpo, l’abbraccio della natura la trasporta  in un altro mondo, il suo mondo. Gusta la meraviglia che è nascosta al di là di ciò che semplicemente appare , godendo di quei  momenti speciali , quel ponte nascosto tra l’umano e il divino , dal quale viene concesso agli esseri umani , per alcuni istanti, di intravedere ciò che è nascosto dietro le cose e il loro valore simbolico.

Celebra orgoglio e appartenenza lasciandosi cullare dallo  spirito indomito che la sua terra sprigiona e fa posto , sul palcoscenico della sua vita,  prima che il sipario cali, all’unico attore che merita gli applausi : “l’amore”.   

 

 


michela

18 94 11

1 Non mi piace0

Le sue ultime pubblicazioni:

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Sono parole che toccano nel profondo, ben espresse e intense, solo la personalizzazione del racconto, come direbbe un critico che mi disse la stessa cosa anni fa, ne spegne un po' il soffio. L'argomento è noto e riproposto sotto una veste però di diverso colore. Quella sognatrice potrebbe essere un sognatore, o perché no un "sognamento", con il distacco dalla realtà sempre pericoloso e a volte necessario, un'esigenza di sopravvivere che può anche essere condanna mortale. Non esistono limiti, mi ritornano in mente le parole del mio guardiano di parole e l'introduzione di quei "Sogni reali" a cui dedicai una raccolta quasi vent'anni fa, con quel percorso, quel sole che saluta il cielo e diventa una contraddizione in termini, perché mentre fuggiamo la realtà ci dice che essa è lì, e può anche essere bella. Dall'anima non può separarsi, perché la realtà non è (solo) materiale. E allora forse non è che bisogna tornare a fare i conti con quella realtà, ma solo guardarla con occhi diversi, perché anche quel sogno è una realtà, più reale di quella che quasi temiamo.

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Lasciami tutte le rughe, non me ne togliere nemmeno una. Ci ho messo una vita a farmele. (A.Magnani)
Lasciami tutte le rughe, non me ne togliere nemmeno una. Ci ho messo una vita a farmele. (A.Magnani)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 52
  • Ospiti: 210
56 Utenti 579 Articoli 871248 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   

Cambia l'aspetto chiaro/scuro