Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto e la sicurezza nella navigazione.
( Normativa europea - Decreto legislativo 69/2012 e 70/2012,  provvedimento del garante privacy  8/4/2014, gazzetta ufficiale 126 3/6/2014,  obbligo di legge dal 3/6/2015) .

La presente Cookie Policy è relativa al sito www.nuovapoesia.com (“Sito”) gestito e operato da Cristiano Sias, via G.Mazzini 48, 15060 Vignole Borbera (AL), C.F. SSICST54P05E004Z (“Cristiano  Sias").

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:
I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:
I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre il Sito utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Il Sito non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; il Sito a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy del Sito si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:
I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.

Cookies essenziali:
Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:
Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Cookies di condivisone sui Social Network:
Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di CookiePrima parte Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàRecuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
DurataCookie persistente
  
2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàMemorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)
  
3) Tipologia di CookiePrima parte - Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàPersonalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)


Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permette di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto dal Sito stesso.

nuovapoesia.com

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Scritto da Carmen Cantatore. Pubblicato in Prosa il 14 Apr 2017.
Hot 977 visualizzazioni 0 piaciuti

È l'ultima domenica precedente il Natale e in piazza il fermento si manifesta ovunque. Non un solo angolo può dirsi abbastanza largo da permettere ad un piccolo gruppetto di fermarsi a chiacchierare. In molti si guardano intorno alla ricerca di un po' di spazio senza successo. Sotto i portici, lungo la riva del fiume,  bar e pasticceria hanno impegnato le aree a loro riservate con i tavolini che a quell'ora sono già tutti occupati. I funghi per il riscaldamento esterno spandono un caldo tepore, invitano piacevolmente gli avventori ad intrattenersi, mentre due giovani donne si aggirano tra di loro, offrendo fiori colorati, scegliendoli dai cesti che portano al braccio.  Dal centro della piazza, dalla cima di un lungo palo ancorato a terra, si dipartono a decine e decine i fili delle luminarie colorate. Attraversano lo spazio fino al porticato che circonda il grande anello alberato del piazzale, rilucendo incessantemente e lampeggiando come lucciole estive. Sotto di esse le persone camminano senza fretta chiacchierando, chi amabilmente, chi agitando freneticamente le braccia e le mani. Alcune, senza compagnia, si guardano intorno con curiosità.

La sera è appena iniziata, gli orari di chiusura dei negozi sono stati posticipati di un'ora e mezza per permettere ai ritardatari di provvedere agli ultimi acquisti. Nessuno dà segni di impazienza. Accanto all'edicola di Celeste una statua bronzea fa bella mostra di sé. Sta ritta sopra un piedistallo apparentemente di pietra, leggermente china in avanti porta un cappello floscio e gli occhi brillano stranamente. Le braccia stese nell'apparente desiderio di cingere qualcuno.

Celeste, dal canto suo, ogni tanto sbircia quella strana scultura fingendo un'indifferenza che non prova, distraendosi solamente per dar retta ai clienti.

Sotto l'obelisco un ragazzino dai capelli crespi e la pelle  color del cuoio lancia in aria morbidissime gelatine colorate e fluorescenti. Esse ricadono al suolo formando macchie irregolari ma subito si ricompongono nella massa che le ha generate. Il giovanetto guarda i passanti con la coda dell'occhio per individuare quanti se ne fermino incuriositi da quella strana mercanzia. Allora allunga una mano e offre il suo prodotto. I bambini, con le facce stupite, guardano supplichevoli i genitori.

Al di qua del ponte sopra il fiume un uomo, seduto su uno sgabello di legno, suona la sua fisarmonica, intonando un tango che scivola sulle note e s'insinua struggendo il cuore e la mente dei passanti.  Lui suona con molta concentrazione e sembra non accorgersi della moltitudine di persone che gli sfila intorno, da sotto le arcate sopraccigliari, in realtà, sbircia curioso e fiero della sua musica.

Solo pochi momenti e le mani volano sullo strumento scatenando il ritmo più incalzante di una milonga.

Alcuni si fermano e ascoltano incantati.

Improvvisamente un brusio si alza dalla folla che riempie ogni angolo, portando con sé, in un baleno, lo scompiglio.

Il vociare cresce sempre più forte e, infine, alcune grida sovrastano tutto quel fracasso: "Fermatelo, al ladro, al ladro..." Chissà perché, nel corso del tempo, ha preso piede questa formula con cui attirare l'attenzione e non c'è verso che alcuno usi un'espressione differente!

Ma questa è un'altra storia.

La gente inizia a spostarsi con maggiore velocità e alcuni si lasciano prendere dal panico. Spintoni, scivoloni sul selciato ghiacciato e irregolare del pavé, una bambina piange tra il fuggi fuggi generale, rischia di essere travolta.

Finalmente una sirena inizia a fischiare e lentamente si fanno largo in tutto quel caos due motociclisti della locale con le loro moto cromate.

Gridano per farsi sentire e cercano di calmare la folla che sembra non volerne sapere. Cominciano a chiedere in giro cercando qualcuno che possa dire cosa sia accaduto. Un uomo si avvicina, cammina lentamente guardando fisso davanti a sé. In mano ha una lunga asta bianca che agita lentamente toccando, con brevi colpetti, l'acciottolato davanti ai suoi passi. "Sono io, agente, sono io il derubato..." dice continuando a guardare fisso in direzione degli agenti che gli si avvicinano estraendo un taccuino e una penna per prendere appunti e generalità.

"Ho sentito chiaramente una mano infilarsi sotto la mia giacca e prendere il portafogli dalla tasca, non è per il denaro, agente, non ne avevo molto con me. Si tratta delle lettere di mio figlio, lui  vive in Cile, ha imparato a scrivere in Braille dopo la disgrazia e tutto quello che so di lui è scritto in quelle lettere. Sono disperato, devo riaverle a tutti i costi, posso dare una ricompensa a chiunque mi aiuti a ritrovarle."

Gli agenti ora si stanno guardando pensierosi, come avrebbero potuto spiegare a quel tipo che non sarebbe stato molto semplice riavere il suo tesoro?

Nel frattempo, avendo udito parlare di ricompensa, si fa avanti un personaggio inquietante, il suo aspetto ricorda una statua bronzea! Ma! Questa si muove! Si  dirige verso i due agenti affermando di avere assistito a tutta la scena, però, prima, vorrebbe vedere la ricompensa, altrimenti non avrebbe snocciolato una sola parola! Dietro di lui, diafana e imbacuccata nel piumino rigonfio, Celeste sbircia con gli occhi spalancati.

Gli uomini in divisa si guardano interrogativamente e rispondono di mettersi di lato e di aspettare nel frattempo che loro  cercano altri testimoni del fatto. Le due donne con le ceste di fiori, intanto, cominciano a cantare una nenia in una lingua sconosciuta ai più e, ammiccando tra loro, sorridono teatralmente. Alcuni avventori chiamano i tutori dell'ordine sottolineando l'atteggiamento sospetto delle signore in questione ma questi, già palesemente seccati, rispondono: "Va bene, va bene signore. Mettetevi in fila per essere ascoltate."

Nel frattempo gli astanti si guardano intorno alla ricerca di altri testimoni e, prima in sordina poi sempre più forte, si fa strada una melodia seguita dal suo esecutore, il tizio con la fisarmonica. Stavolta il suono della musica è il dirompente susseguirsi di note d'una marcetta. Giunto ad un passo dagli uomini in divisa, si ferma, si guarda intorno, sghignazza e fa cenno col dito sulle labbra di fare silenzio.

A questo punto gli uomini in divisa, spazientiti da tutti quegli improvvisi testimoni, decidono rassegnati  di spostare tutti sotto i portici per raccogliere le testimonianze. Lì, almeno, si potrà usufruire del tepore emanato dagli alti funghi presenti. Ognuno accoglie la proposta con molto entusiasmo, incamminandosi nella direzione indicata. Solo pochi passi e una voce squillante  risuona al di sopra di ogni altro clangore:

"Ehi! Aiutatemi, presto, muovetevi che scappa. L'ho legato con la corda ma non credo che basterà."

Tutti si girano. Si tratta di un ragazzino con i capelli crespi, la pelle color del cuoio e una fila di bianchissimi denti dietro un ghigno preoccupato, si sta sbracciando per indicare qualcosa poco lontano  da sé e quel qualcosa sta lì per terra, si divincola come una biscia calpestata, tenta di sollevarsi ma i legacci alle caviglie e ai polsi glielo impediscono.

Sono tutti esterrefatti.

La figura bronzea improvvisamente sbianca sotto la vernice e la dolce Celeste dietro di lui, già di per sé bianca, ha un moto di delusione lascia cadere le spalle e tutto il corpo si  affloscia. Il fiero musicista sgrana gli occhi e non crede alle proprie pupille, pregustava un breve teatrino per farsi un po' di pubblicità, quell'accidenti di ragazzino gli sta portando via la scena!

Ma ciò che turba maggiormente gli astanti sono le due donne con le ceste di fiori che appena compreso l'accaduto lasciano cadere i loro fardelli fioriti e se la danno a gambe levate, mostrando un'agilità fino a quel momento impensabile considerato l'abbigliamento zingaresco sotto i lunghi cappotti imbottiti!

I due della locale  strabuzzano gli occhi increduli e si avvicinano al ragazzino, uno riprende il suo ruolo ed estrae ancora taccuino e stilo, l'altro si dirige svelto verso quel  lombrico che continua a divincolarsi sperando di riuscire a tagliare la corda. Un minuto soltanto e le manette artigliano i polsi del malcapitato e, guarda un po'! Divincolandosi gli è scivolato a terra un porta-fogli gonfio da cui spuntano gli angoli di alcune buste.

Il ragazzino, finalmente soddisfatto che la sua fatica non sia stata vana, si guarda intorno sorridente e compiaciuto.

L'agente col taccuino a questo punto lo apostrofa incredulo che uno smilzetto tutto ossa e pelle come lui sia riuscito ad atterrare quel dinoccolato alto almeno un metro e novanta.

"Allora giovanotto, come sei riuscito a mettere ko quel tizio?"

Lui, lo smilzetto, gongolante per il successo ottenuto ma, soprattutto, per l'attenzione che lo circonda, comincia a narrare.

"Eh! Agente, io stavo mostrando la mia roba ai passanti, ai bambini, perché sa, a loro ci piacciono i giochi strani..."

"Giovanotto, lo sai che non puoi vendere 'sti affari per strada?"

"Eeeehhh! Agente e chi li vende? Io stavo lì a mostrare come si fa, mica compra nessuno."

"Vabbè, andiamo avanti... E poi?"

"Eeehhh! Eh poi quello là mi è passato vicino correndo come un pazzo, correva quasi quanto me quando... Ehm, si voglio dire che correva forte!"

"Ok, correva forte, dove si stava dirigendo?"

"Dirigendo? E chi è dirigento, agente?"

"Avanti, giovanotto, dove stava correndo?"

"Aaaahhhh! E potevate dirlo prima, no?" dice rabbuiandosi  e temendo di essere stato preso in castagna!

"No, non andava da nessuna parte, andava dritto per di là!"

"E poi?"

"E poi... Poi mi sono accorto che ha pestato una delle mie palle di gelatina, quello str...! Così ho mirato e gli ho tirato dietro una fiondata di quelle altre, quelle che tengo nelle tasche, sa, per i bambini!"

L'agente, fingendo di non capire, lo guarda incredulo.

"Ma tu vuoi dirmi che lo hai catturato con un lancio di gelatina?"

"No agente! Non mi permetterei mai, questo lo lascio fare a voi!" Sghignazzò tra i denti. "È che lui si è tutto scompisciato, quella roba che gli camminava dentro il collo e correva giù per il maglione, chissà... Forse si è preso strizza, boh!"

"Si è preso strizza, eh?" riprese l'agente con fare inquisitorio.

"Ma si, dottore, ha cominciato a saltellare come un grillo, io rivolevo la mia roba ma quando mi sono avvicinato ha tentato di svignarsela e rubarla, per questo mi sono incazzato e gli ho messo le mani addosso. Non si deve rubare, vero agente?"

L'agente, oramai, a stento nasconde una risatella fuori luogo.

"Così ho preso lo spago che tengo sempre con me, sa, non si sa mai, tutto può servire..."

"Eh già," dice l'agente "tutto può servire..."

"Beh! Insomma, stavo lì che non sapevo cosa fare, mi giravo intorno per decidere, vi ho visto e sono venuto a chiamarvi! Dovete metterlo in galera, non si rubano i giochi ai ragazzini!"  


Carmen Cantatore

Autore: Carmen Cantatore

69 541 69

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
0 Non mi piace0
1 1 1 1 1

Guarda tutti gli scritti di Carmen Cantatore

Le sue ultime pubblicazioni:

Vota questa pubblicazione

05

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Nessun commento trovato

Giovedì, 19 Settembre 2019 23:10
Giovedì, 19 Settembre 2019
L’arte è magìa liberata dalla menzogna di essere verità. (Adorno)

  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 55
  • Ospiti: 230
57 Utenti 471 Articoli 29 Web Links 385027 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop