Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

Ogni acquisto aiuta Nuovapoesia

Ogni acquisto fatto tramite questo banner aiuta Nuovapoesia

5 1 1 1 1 1 Gradimento medio 5.00 (Voti 1)
Scritto da Gianfranco Pasanisi. Pubblicato in Prosa il 27 Gen 2017.
Hot 954 visualizzazioni 0 preferiti

                                              A Elisa SPRINGER

 

Sono solo.         

Ho spento la luce.

Tra le mani un libro che leggo con una lampadina a clip.

Pag.61 de “il Silenzio dei Vivi”: Fummo spinti brutalmente e        caricati su un vagone bestiame.

Occhi gonfi di sonno.

Mi addormento.

Il sogno tramuta i pensieri in immagini.

Ora siamo in trecento, tutti in piedi nello stesso vagone maleodorante di urina e di feci. Intorno a me volti di vecchi, di donne, di bambini dagli sguardi smarriti. Tutti con la stella di Davide cucita sul petto, me compreso.

Sferraglia il treno merci sui binari con trecento bestie a bordo, me compreso.

Destinazione: Dachau.

Una brusca frenata.

Sobbalzo.

Una voce amplificata che annuncia: Brindisi, stazione di Brindisi. Scendo dal treno.

Un grande manifesto murale: 27 Gennaio, giorno della Memoria.


Gianfranco Pasanisi

53 176 57

2 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Gianfranco Pasanisi

Le sue ultime pubblicazioni:

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Difficile mettersi in quella situazione... qualcuno ancora non ci crede!

  • Mi sembra giusto riportare da Internet:

    Nell'incipit del libro Elisa Springer afferma:
    « Oggi più che mai, è necessario che i giovani sappiano, capiscano e comprendano: è l'unico modo per sperare che quell'indicibile orrore non si ripeta, è l'unico modo per farci uscire dall'oscurità. E allora, se la mia testimonianza, il mio racconto di sopravvissuta ai campi di sterminio, la mia presenza nel cuore di chi comprende la pietà, serve a far crescere comprensione e amore, anch'io allora, potrò pensare che, nella vita, tutto ciò che è stato assurdo e tremendo, potrà essere servito come riscatto per il sacrificio di tanti innocenti, amore e consolazione verso chi è solo, sarà servito per costruire un mondo migliore senza odio, né barriere.
    Un mondo in cui, uomini liberi, capaci e non schiavi della propria intolleranza, abbattendo i confini del proprio egoismo avranno restituito, alla vita e a tutti gli altri uomini, il significato della parola Libertà.
    Oggi ho compreso che Dio mi ha concesso di liberarmi dalla prigionia del passato, attraverso le pagine di questo libro. »

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



L’arte è magìa liberata dalla menzogna di essere verità. (Adorno)
L’arte è magìa liberata dalla menzogna di essere verità. (Adorno)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 51
  • Ospiti: 4,609
54 Utenti 506 Articoli 597445 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop