Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1
Scritto da Carmen Cantatore. Pubblicato in Prosa il 25 Gen 2017.
Hot 760 visualizzazioni 0 preferiti

 

La vita in un aeroporto militare è alquanto prevedibile, tutto è scandito da regole e orari rigidi come il marmo. Ogni giorno porta con sé un bagaglio di prevedibilità e una piccola scorta di sorprese che sbircia da dietro l'angolo del divenire!

Finché arrivò il momento anche per lei. Da giorni rimaneva tranquilla, distesa nel suo angolo preferito, un po' sorniona e un po' furbacchiona, fingendo una stanchezza che non c'era.

Il maresciallo l'aveva osservata per un po' considerando il suo passo appesantito e prestava attenzione ai minimi segni di cambiamenti ma lei, un po' sbuffando e un po' sonnecchiando, non lo degnava di uno sguardo.

Poi un giorno fu presa dall'agitazione, si girava e rigirava senza riuscire a trovare una posizione comoda e lanciava brevi sguardi colmi di inquietudine. Il maresciallo comprese. Si procurò delle coperte morbide e calde piazzandole accanto a lei che con gli occhi ringraziò. Non passò molto quando il primo corpicino prese possesso del nuovo giaciglio, uno alla volta tutti e nove i piccoli videro la luce mugolando incerti tra il richiamo e il pianto.

Il maresciallo attese paziente che ogni faccenda si compisse e quando si avvicinò alla neo madre venne accolto da uno sguardo compiaciuto e rassicurante, stavano benone tutti e poppavano che era un piacere!

Passarono alcune settimane, i cuccioli crescevano a vista d'occhio e conquistarono l'affetto dei più tanto che, una volta svezzati, trovarono famiglie accoglienti pronte ad adottarli...

Ne rimase uno, scodinzolante e festoso come tutti i cucciolotti, affettuoso e pieno di vitalità.

La madre aveva ripreso la punta ai conigli che invadevano l'aeroporto  ma il piccolo ancora non la seguiva nelle sue battute di caccia finché una sera attese scodinzolando invano.

Anche il maresciallo attese, per lunghi giorni sperò che sarebbe tornata, affettuosa come sempre. 

Intanto l'ultimo rimasto cominciava ad intristirsi e il maresciallo, intenerito, lo prese per condurlo al suo alloggio. Predispose uno scatolone, ampio e asciutto, rivestito delle coperte che conservavano ancora 'odore di mamma'. Lentamente l'abitudine si fece strada e la malinconia soggiacque alla serenità dentro gli splendidi occhi color cioccolato del  pastore tedesco.

Aveva le orecchie dritte, sempre in ascolto, pronte e attente ad ogni minimo rumore e si legò indissolubilmente al suo padrone.

Il maresciallo seguì attentamente i progressi della nuova recluta. Docilmente imparò le regole fondamentali della convivenza in caserma e l'idillio ebbe inizio.

In breve il cane divenne l'ombra del maresciallo e non v'era zona aeroportuale che gli fosse interdetta. Lasciarlo fuori era un castigo, inutile precludergli l'ingresso, ovunque.

Più il tempo passava e più il legame col maresciallo si rafforzava, era sufficiente un movimento impercettibile e l'amico fedele scattava sull'attenti, in attesa del comando.

Anche a riposo gli occhi di Cicciuzzo non perdevano di vista il maresciallo e controllavano ogni minimo gesto, il muso seguiva i movimenti delle sue mani e dallo sguardo tracimava la sua bellissima anima.

Poi, come sempre in agguato, anche il giorno più triste giunse. Si annunciò   sotto le mentite spoglie di una missione in un paese lontano, in una zona teatro di scaramucce militari. Due anni di vita insieme avevano cementato un rapporto già simbiotico ma per il suo bene l'amico fedele doveva rimanere in Italia.

Come separarsene?

La soluzione meno dolorosa si presentò tramite un collega. Un parco naturale custodito da giovani volontari che si preoccupavano di tutelarne i confini. Libero tra i liberi, forse avrebbe trovato pace al doloroso distacco che sarebbe avvenuto di lì a breve.

E così fu.

Successivamente tornò, il maresciallo, tornò per sincerarsi della buona salute del suo compagno ma fu dolore aggiunto ad altro dolore.

Eppure qualcuno ebbe a dire: "Era solo un cane."

Decise, il maresciallo, di non rinnovare ancora il dolore con inutili ritorni e attese, malinconico, la partenza stabilita.

Nessun altro Amore entrò più nella vita del militare.


Carmen Cantatore

Autore: Carmen Cantatore

75 573 77

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
1 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Carmen Cantatore

Le sue ultime pubblicazioni:

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Commuovente e dolce. La vita di un militare è comunque difficile, per tutta la famiglia, ma in questo caso la famiglia era tutta lì: un uomo e il suo amico.

  • E io adoro quell'Uomo che ammiro e ascolto con profondo affetto. Un Uomo che ha sempre mostrato una corazza protettiva, una distanza difensiva dalle emozioni, un proteggersi che ho verificato in molte occasioni, un atteggiamento che nasconde dolori e ferite profonde che solo una sorella può comprendere...
    Io vivo anche della sua luce riflessa...
    Grazie Ester

  • Il tuo racconto su Cicciuzzo mi ha coinvolto e emozionato fino alle ultime righe. Ma cosa è successo al cane? (sono dura di comprendonio, scusa). E' scappato per cercare il padrone? Si è lasciato morire di dolore? E' stato ucciso?. Ciao Gisella

  • Buongiorno Gisella, ti ringrazio per il commento, hai colto ciò che ho voluto trasmettere.
    Cicciuzzo non è stato ucciso, non è morto di dolore, non si è lasciato morire, mio fratello ha compreso che non avrebbe potuto riprenderlo con sé e ha ritenuto che interrompendo le visite avrebbe permesso al cane di rimarginare la ferita del distacco. E così è stato, ha vissuto in un parco naturale nel veronese con altri animali protetti sotto la sorveglianza dei volontari. Da allora, però, sono passati più di vent'anni, il suo umano ha vissuto in molti luoghi del pianeta e per lunghi periodi. Un giorno gli chiesi del fedele compagno e mi rispose che preferiva non sapere per non soffrire. Di certo era informato che, elaborato il distacco, il cane ha vissuto tranquillo.
    Anche il mio animo si turba ogni volta che lo penso, mi consola pensare questo.
    A preso leggerci, Carmen

C'è chi dice no, c'è chi dice no, io sono un uomo. (V.Rossi))
C'è chi dice no, c'è chi dice no, io sono un uomo. (V.Rossi))
ester - ha risposto al commento n. 727 di La Notte
  • Utenti Online: 2
  • Utenti Offline: 49
  • Ospiti: 1,058
51 Utenti 488 Articoli 489902 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop