Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto e la sicurezza nella navigazione.
( Normativa europea - Decreto legislativo 69/2012 e 70/2012,  provvedimento del garante privacy  8/4/2014, gazzetta ufficiale 126 3/6/2014,  obbligo di legge dal 3/6/2015) .

La presente Cookie Policy è relativa al sito www.nuovapoesia.com (“Sito”) gestito e operato da Cristiano Sias, via G.Mazzini 48, 15060 Vignole Borbera (AL), C.F. SSICST54P05E004Z (“Cristiano  Sias").

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:
I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:
I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre il Sito utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Il Sito non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; il Sito a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy del Sito si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:
I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.

Cookies essenziali:
Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:
Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Cookies di condivisone sui Social Network:
Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di CookiePrima parte Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàRecuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
DurataCookie persistente
  
2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàMemorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)
  
3) Tipologia di CookiePrima parte - Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàPersonalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)


Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permette di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto dal Sito stesso.

nuovapoesia.com

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Scritto da Gianfranco Pasanisi. Pubblicato in Prosa il 17 Gen 2017.
Hot 545 visualizzazioni 0 piaciuti

In una landa desolata e sperduta si ergono le mura del castello medievale dei Marchesi Serravalle - Venturi. Nella campagna circostante imperversa la bufera mentre l’orologio della vecchia torre con dodici tetri, cadenzati rintocchi annuncia l’ora di mezza.

Fulmini saettanti illuminano d’intorno; nell’aria elettrizzata riecheggia il rimbombo dei tuoni, presagio di sinistro terrore, e l’edera barbicata tra le fessure dell’antico maniero s’inerpica avviluppata e intimidita.

Gufi, civette, allocchi e barbagianni, dominatori del buio, abbriccati su merli ghibellini, intonano i loro lugubri versi: Ku – vitt – Ku vitt –Ku vitt, cucumeo – cucumeo – sfru – sfru – sfru, uh –uh- uh- uh, iù- iù- iù e i loro gridi acuti e strascicanti si diffondono con eco nella notte.

Impetuoso sibila il vento tra i frondosi cipressi e tra le siepi intricate nella stretta serrata del loro stormire.

Un bagliore di folgore squarcia il tenebroso salone dell’arcaico palazzo e i mobili antichi che ne fanno l’arredo hanno per un sol attimo definiti contorni.

Il ritratto dell’avo Francesco sghignazza spettrale e gli occhi dell’immota armatura s’accendono di un riverbero luminescente e rossastro.

Il picchiettio della pioggia scrosciante si confonde con lo stridore dei chiavistelli, delle catene del levatoio e col cigolio delle cerniere arrugginite delle porte robuste oscillanti su cardini, da immemore tempo, schiodati.

Il fantasma smanioso di Francesco s’aggira burlone negli augusti locali.

‹‹Che bella nottata›› si dice volteggiando a mezz’aria e sfregando le mani, beffardo.

Egli fugge dalle grinfie dell’ectoplasma della Duchessa Mafalda, indesiderata spasimante che da sempre lo insegue, bramosa d’amore, nei meandri del vetusto palazzo.

Intanto una musica ferale inonda la casa con le note che svolazzano nell’aria, posandosi or qui sulla vecchia corazza col rumore di ferraglia or là sul lungo tavolo della sala da pranzo, col rosicchiare dei tarli voraci, una tra le batterie dei tegami appesi nella vecchia cucina, tremolanti per gli spifferi del vento, l’altra sul gong del fiacco pendolo appeso in soggiorno.

Gli abitanti della maestosa dimora sono a letto ma ricacciano il sonno, pervasi da inenarrabile spavento. Il Marchese nell’immenso talamo nuziale tra drappi e scomposte lenzuola s’avvinghia, per darsi coraggio, alla consorte Leonilde nel tentativo di rinverdire un erotico, vano ricordo ormai spento.

Solo Clotilde, la veterana e fedele governante, zitella, non ha nessuno con cui accucciarsi e distrae il suo terrore ricordando i tempi che furono, quando, amabile fanciulla, era desiderata dallo spasimante, giovane e prestante Francesco.

Ora ad ogni scuotimento s’abbraccia tremante all’enorme cuscino, mentre la sua instabile dentiera tintinna disfatta.

Riecheggia il riso inquietante del fantasma Francesco. Egli ancora s’aggira in preda al suo desiderio d’amore da decenni pendente, da quando morì d’infarto durante un principio d’amplesso con l’allora avvenente Clotilde.

Lo sghignazzo straziante, che l’eco impietosa ripete, si confonde con la musica tetra, strimpellata da strumenti percossi da ignoto e invisibile esecutore.

Ora Francesco attraversa la porta violando l’intimità della camera da letto dell’amata Clotilde e il voglioso fantasma s’insinua non visto tra le incorrotte lenzuola del letto della illibata governante.

Mentre fuori ancora imperversa la bufera, i tuoni scuotono l’aria di rombante rumore, cupo soffia il vento sui merli svettanti al cielo plumbeo e i rapaci notturni intonano il loro triste concerto, s’ode il cigolio del letto dell’anziana domestica.

Ella sente accanto a sé, addosso a sé, sopra di sé un’inquietante presenza.

Riconosce, seppur non visto, il suo amato Francesco. Il suo corpo si scioglie, reagisce, la vecchia ruggine scompare d’incanto e le pulsioni s’impossessano di lei. Sente vibrare le corde del cuore. Ora non è più sola. Prova le gioie dell’amore, si abbandona, si lascia espugnare.

Un fulmine accecante s’introduce indiscreto nel nido d’amore illuminando il corpo sfiancato, sfinito, appagato dell’anziana Clotilde, che felice esclama: ‹‹Però! Sanno amare questi fantasmi.››


Gianfranco Pasanisi

Autore: Gianfranco Pasanisi

53 175 55

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
1 Non mi piace0
1 1 1 1 1

Guarda tutti gli scritti di Gianfranco Pasanisi

Le sue ultime pubblicazioni:

Vota questa pubblicazione

05

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Due storie dello stesso "genere" ma con modalità diverse...
    Nasce spontanea una curiosità, come amano i fantasmi? :D

  • In risposta a: Carmen Cantatore

    Non so rispondere alla tua domanda, cara amica, ma da quanto ho letto l'effetto non è mancato! ;)

    Mi era sfuggita questa terrificante triste istoria, ma anche spassosa e ben orchestrata: la sinfonia c'è tutta, tra tuoni, canti di malauguranti uccelli notturni e cigolii di ferraglia e pentolame...
    Mai letta una descrizione tanto minuziosa, precisa e curata in ogni particolare: ci si trova direttamente in scena, con qualche brividino e quell'accenno magistrale all'infarto... proprio la morte che avrebbe desiderato per sé il principe Fabrizio Salina ne "Il Gattopardo".
    Complimenti all'abile e scrupolosa penna dell'autore!

    Ultima modifica commento 2 anni fa da ester

Martedì, 19 Febbraio 2019 22:00
Martedì, 19 Febbraio 2019
L'unico modo per liberarsi da una tentazione è cederle. (O.Wilde)

  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 53
  • Ospiti: 111
55 Utenti 453 Articoli 29 Web Links 311848 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop