Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto e la sicurezza nella navigazione.
( Normativa europea - Decreto legislativo 69/2012 e 70/2012,  provvedimento del garante privacy  8/4/2014, gazzetta ufficiale 126 3/6/2014,  obbligo di legge dal 3/6/2015) .

La presente Cookie Policy è relativa al sito www.nuovapoesia.com (“Sito”) gestito e operato da Cristiano Sias, via G.Mazzini 48, 15060 Vignole Borbera (AL), C.F. SSICST54P05E004Z (“Cristiano  Sias").

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:
I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:
I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre il Sito utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Il Sito non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; il Sito a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy del Sito si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:
I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.

Cookies essenziali:
Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:
Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Cookies di condivisone sui Social Network:
Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di CookiePrima parte Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàRecuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
DurataCookie persistente
  
2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàMemorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)
  
3) Tipologia di CookiePrima parte - Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàPersonalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)


Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permette di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto dal Sito stesso.

nuovapoesia.com

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Scritto da Gianfranco Pasanisi. Pubblicato in Prosa il 14 Dic 2016.
Hot 516 visualizzazioni 0 piaciuti

Folle idea

 

 

 

Il commissario D’Alessio quella mattina si era alzato obliquo. Aveva dormito sì e no tre o quattro ore.

Durante la notte era stato svegliato per un caso anomalo di omicidio e ora si accingeva ad andare in ufficio con la consapevolezza di trovarsi nella sua peggiore disposizione d’animo.

Quando suonò il campanello di casa, egli era già vestito di tutto punto, i segni della stanchezza erano stati cancellati dal viso da accurata rasatura e la pelle delle guance era stata tonificata da un ottimo aftershave.

Aperto l’uscio, apparve la figura segaligna del suo autista, scapitata da una divisa troppo abbondante e da un’espressione inebetita e imperturbabile.

«Dottò, la macchi…na è pron…ta.» Biascicò con la sua solita flemma sonnacchiosa l’agente Carlino.

«Andiamo!» Disse deciso D’Alessio, chiudendo a chiave la porta del suo appartamento. Poi con tono ironico apostrofò il suo aiutante: «Carlì, una divisa di dieci taglie più piccola non ce l’hai… Eh?»

«No, no, dottò. È che mi sono dimagrito.» Rispose serafico Carlino.

Il funzionario avrebbe voluto replicare ma di fronte all’espressione disarmante dell’agente, desistette. Sì, ma a malincuore. Del resto, aveva altro cui pensare, certamente più importante della divisa del suo dipendente.

 

Entrato in ufficio, sopraggiunse poco dopo l’ispettore Ranieri, che gli mise sulla scrivania un fascicolo a 2ª, un carteggio inserito in una custodia di colore rosso in uso ai commissariati di Polizia e intestato ai pregiudicati.

D’Alessio diede subito un’occhiata al frontespizio e vi lesse: Carmine IUNCO Indagato per l’omicidio di Cosimo RECCHIA.

«Ispettore, il fascicolo è completo?» Domandò il funzionario.

«Certo, Dottore. Ho provveduto ad aggiornarlo personalmente.» Rispose col suo solito garbo l’Ispettore.

D’Alessio, conoscendo la meticolosità e la solerzia di Ranieri, si vergognò un po’ di aver fatto quella domanda.

Invero, lo aveva scelto come suo braccio destro proprio perché di lui apprezzava le spiccate doti professionali e il contegno del comportamento.

Pensò che in un certo senso Ranieri gli somigliasse.

Sempre formale e dignitoso, indossava con decoro la divisa, aveva un gran riguardo della sua persona e una cura meticolosa del suo fisico prestante e atletico.

Abbandonate le considerazioni fatte sul conto di Ranieri, che lo avevano in qualche modo distratto, D’Alessio aprì il fascicolo e ne visionò accuratamente il contenuto.

Mano a mano che scorreva gli atti di Polizia Giudiziaria, ripeteva mentalmente: Verbale di arresto di Carmine Iunco, verbale di sequestro di un coltello a serramanico, delega dell’A.G. per l’interrogatorio dell’indagato, nomina dell’Avvocato d’Ufficio.

Poi la sua attenzione fu attratta da una cartellina registrata C.I.M. (Centro di Igiene Mentale), al cui interno vi era la relazione del profilo psichiatrico di Carmine Iunco.

Ne lesse una decina di pagine, compresse con i polpastrelli dell’indice e del pollice i lacrimali per meglio inumidire gli occhi stanchi, poi sfogliò velocemente le altre pagine del referto.

Si soffermò sull’ultima pagina, prese un evidenziatore e segnò con un tratto giallo le conclusioni. In sintesi, vi era scritto, trattasi di soggetto psicotico affetto da schizofrenia paranoide. Spesso è in preda ad un delirio d’influenzamento, è convinto che altri suggestionino il suo pensiero. Tende a difendersi dalle persone che crede a lui ostili e che presume complottino contro di lui. È animato da desiderio di vendetta.

Letta la firma del relatore, D’Alessio fece un balzo sulla sedia come se lo avesse morsicato una tarantola.

«Ispettore!» Strepitò, abdicando al suo abituale autocontrollo.

Ranieri, compostamente come il suo solito, rispose alla chiamata del suo superiore: «Che cosa desidera Dottore?»

«Faccia entrare Carmine Iunco e il suo legale. Dovremo procedere a interrogatorio.» Disse con voce stentorea il funzionario.

In attesa che entrassero i due convocati, il Commissario ricordò i consigli suggeritigli dal suo amico psicologo: Se sei teso - gli aveva detto – e devi affrontare una situazione stressante, poggia i gomiti sulla scrivania, intreccia le dita delle mani e ponile sotto il mento, poi divarica le gambe e stendi in avanti i piedi.

D’Alessio si mise in posa, pur nella consapevolezza che non fosse da persona ben educata assumere quella posizione alla presenza di estranei.

Iunco e l’avvocato d’ufficio furono introdotti da Ranieri che li accompagnò al cospetto del funzionario per poi occupare la postazione di un computer.

Alle spalle dei due, che intanto erano stati invitati a sedersi, si dispose Carlino.

Immobile come uno spaventapasseri e con la solita faccia inespressiva, si era messo dritto in piedi, secco e allampanato.

Iunco, ammanettato, stava sulla sedia come si sta sui carboni accesi.

Di media altezza, robusto, corrugava spesso la bassa fronte, nascondendo gli occhi piccoli sotto sopracciglia cespugliose e unite.

Si guardava intorno con una sorta di agitazione psicomotoria come se temesse che qualcuno lo aggredisse. Poi, all’improvviso, assumeva una rigidità catatonica; il suo sguardo diveniva assente e gli occhi fissavano un punto immaginario.

L’avvocato osservava il suo cliente con evidente timore e preoccupazione. Se non fosse stato perché da qualche tempo non patrocinava alcuna causa, avrebbe declinato volentieri l’incarico.

D’Alessio, da buon poliziotto, ispezionava, esaminava, studiava e scrutava entrambi.

Considerava che all’Avvocato fosse capitato il peggior cliente e a Iunco fosse stato assegnato il più scalcinato degli avvocati.

L’avvocato Misseni, questo era il nome del legale, dal suo aspetto faceva trasparire tutta la sua sciatteria, senza nulla tralasciare di sé.

Quarantacinquenne, dimostrava almeno un terzo in più della sua età e ostentava senza pudore le sue specifiche peculiarità: barba incolta, camicia dal collo unto e liso, scarpe impolverate, pantalone dalla piega che non si vedeva neanche a volerla immaginare.

Tra lui e il dottor D’Alessio vi era evidente dissomiglianza che sfociò ben presto in reciproca insofferenza.

L’Avvocato, osservando le pareti del Commissariato tappezzate di attestati per encomi solenni, concessi al funzionario, si sentì ancora più sminuito nella funzione di mediocre legale d’ufficio.

Manifestando tutto il suo disagio, faceva scorrere l’indice della mano destra nel collo della camicia, girando e rigirando il capo ora a destra, ora a sinistra, lanciando occhiate d’invidia sugli stramaledetti attestati.

Esperite le formalità di rito da parte di Ranieri, il Dottor D’Alessio diede inizio all’interrogatorio di Iunco.

«Perché ha ucciso Cosimo Recchia?» Chiese il funzionario.

A questa domanda Iunco strabuzzò gli occhi e farfugliò: «Lui voleva… io, sa non sapevo... Non aveva capito… Glielo avevo detto… E allora io… zac, zac, zac.»

Si fermò quasi a voler ricomporre le idee; tacque per un po’ irrigidendosi, poi con concitata e compulsiva logorrea iniziò il suo racconto: «Dottore lui voleva influenzare il mio pensiero mi diceva che quello che facevo era tutto sbagliato che le mie erano allucinazioni che la voce che mi chiamava in realtà era frutto della mia fantasia voleva cambiarmi io non volevo io sono io perché cambiare sono pago di essere così poi lui insisteva io glielo dicevo ma lui non capiva sono Carmine Iunco non un altro io glielo dicevo ma lui ancora insisteva e allora io zac, zac, zac»

«Ma egli voleva guarirti, era il tuo psichiatra.» Lo interruppe D’Alessio.

Alla parola “psichiatra” Iunco si alzò minaccioso, puntò gli occhi contro il funzionario e, se non fosse stato trattenuto dall’Agente Carlino, si sarebbe scagliato contro di lui con tutto il suo corpo.

«Portatelo via! |» Intimò il Commissario.

Attratti dalle grida, intervennero due agenti che a viva forza allontanarono l’esagitato Carmine Iunco.

L’avvocato, rivolto al Dottor D’Alessio, con enfasi oratoria ed usando il pluralis maiestatis dichiarò solennemente: «Chiederemo al giudice il riconoscimento dell’infermità mentale del mio cliente, per acclarata incapacità di intendere e di volere.»

Per un momento, si sentì un affermato principe del Foro.


Gianfranco Pasanisi

Autore: Gianfranco Pasanisi

53 175 55

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
1 Non mi piace0
4 1 1 1 1 1 Gradimento medio 4.00 (Voti 1)

Guarda tutti gli scritti di Gianfranco Pasanisi

Le sue ultime pubblicazioni:

Vota questa pubblicazione

45

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Nessun commento trovato

Venerdì, 23 Agosto 2019 02:18
Venerdì, 23 Agosto 2019
È una bella prigione, il mondo. (Shakespeare)

  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 55
  • Ospiti: 241
57 Utenti 469 Articoli 29 Web Links 376466 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop