Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto e la sicurezza nella navigazione.
( Normativa europea - Decreto legislativo 69/2012 e 70/2012,  provvedimento del garante privacy  8/4/2014, gazzetta ufficiale 126 3/6/2014,  obbligo di legge dal 3/6/2015) .

La presente Cookie Policy è relativa al sito www.nuovapoesia.com (“Sito”) gestito e operato da Cristiano Sias, via G.Mazzini 48, 15060 Vignole Borbera (AL), C.F. SSICST54P05E004Z (“Cristiano  Sias").

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:
I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:
I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre il Sito utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Il Sito non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; il Sito a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy del Sito si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:
I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.

Cookies essenziali:
Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:
Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Cookies di condivisone sui Social Network:
Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di CookiePrima parte Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàRecuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
DurataCookie persistente
  
2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàMemorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)
  
3) Tipologia di CookiePrima parte - Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàPersonalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)


Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permette di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto dal Sito stesso.

nuovapoesia.com

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Scritto da Gianfranco Pasanisi. Pubblicato in Prosa il 13 Dic 2016.
Hot 402 visualizzazioni 0 piaciuti

Il grillo

Favola

 

 

 

Tra i rovi dalle dolci drupe tonde, il grillo aveva costruito la sua modesta casetta, piccola ma assai accogliente.

Dal carattere timido e schivo, protetto dalle spine della siepe, si ritirava spesso nella tana al primo apparire di estranei indesiderati.

In primavera inspirava il profumo dei fiori bianchi e rosati del rovo, in estate ne gustava i frutti maturi e la zona era ricca delle foglie, dei semi e delle radici di cui era ghiotto.

Non avrebbe potuto desiderare di più.

Da lì usciva la notte e prendendo a prestito la luce delle lucciole, sue vicine di casa, vagabondava per la campagna pugliese, visitando le masserie della zona e dispensando a tutti, animali e persone, le note delle sue serenate.

Avendo studiato “Frinito” al CONSERVATORIO DEGLI ANIMALI DEL SALENTO, insieme alle cicale canterine messapiche, sapeva fare un uso sapiente dell’organo stridulatore, fornendo prova così di grande maestria musicale.

Una sera, si accorse che il suono era stonato: Il suo cri cri era piuttosto uno strano, aspro gracidare che si confondeva col cra cra delle rane.

Decise così di recarsi da Mastro CICALA per farsi dare una regolatina alle tegmine.

Mastro CICALA, che aveva messo su una bella bottega artigiana nel tronco cavo di un secolare albero d’ulivo, aveva fama di essere il migliore accordatore della zona. Sull’uscio del laboratorio, incisa a caratteri cubitali su una tabella di legno, poteva leggersi, infatti, la scritta: “Qui si riparano elitre”.

«Mi dia una controllatina e una buona sistemata allo strumento.» Disse “sconcertato” il grillo.

«Quando friziono tra loro le tegmine» continuò «queste emettono uno strano suono.»

L’artigiano, inforcati gli occhiali da presbite sopra due occhioni, composti e sporgenti, controllò le ali del grillo e con aria professionale, simile a quella di un clinico di provata esperienza, sentenziò: «La questione è seria, le ali a forza di essere strofinate si sono usurate.»

Porgendo al cliente un vasetto contenente una polvere dai mille colori, composta di squame d’ali di farfalla, gli consigliò di cospargersela sulle ali almeno due volte il giorno.

Contento, il grillo ringraziò e se ne tornò cantaiolo alla tana sicuro che la cura ben presto avrebbe mostrato tutta la sua efficacia.

La cosa funzionò: il suo cri cri presto divenne nitido e melodioso e quindi egli poté sfoggiare con soddisfazione il suo repertorio.

In occasione della festa di Sant’Antonio Abate, protettore degli animali, organizzò l’annuale coro della masseria.

Indossato il frac a coda, rigorosamente noir ma un po’ demodé, e lucidate a puntino le antenne, quella sera ostentò un’aria da grande artista.

Accordate per bene le tegmine, diede inizio alla sua esibizione attaccando con un assolo che avrebbe fatto invidia al migliore professore d’orchestra.

Poi accompagnò, dirigendo con grande abilità, lo stridire di Civetta Occhialuta, lo zigare del Grigio Coniglio, il gloglottare del Vanitoso Tacchino e il guaiolare della Volpe Astuta.

Si unirono a quel coro in un entusiastico crescendo l’abbaiare del Cane Pastore, il raglio dell’Asino Martinese e lo starnazzare dell’Oca Nostrana.

Il concerto fu molto apprezzato dal vicinato ed ebbe anche una vasta eco sul “Gazzettino degli insetti” che, per quanto fosse a tiratura locale, era però molto diffuso tra i lettori dei quotidiani del circondario.

Dopo le scorribande notturne, a ogni sorgere dell’alba il grillo rientrava alla sua dimora e prima di rintanarsi per avere il meritato riposo, salutava i vicini di casa che a quell’ora si erano da poco svegliati.

Tra un’esternazione canora e un’altra la vita del simpatico insetto scorreva lieta e spensierata, ma non sempre le cose vanno per il verso giusto.

Un triste giorno, di mattina, rientrando dalle sue serenate, il grillo si rese conto che qualcuno aveva appiccato il fuoco al roveto.

Le fiamme erano ormai alte e indomabili e per quanto avesse tentato, aiutato dai vicini, di gettare acqua sul fuoco non era riuscito a limitare i danni.

La sua tana era completamente distrutta, ridotta a un cumulo di cenere.

Guardando quel triste scenario, sconfortato e avvilito, esclamò: «Povero me.»

Da allora nella zona, quando si vuole esprimere sconforto e autocommiserazione, è in uso dire in perfetto dialetto manduriano:

«Poara a mmei tissi lu triddu quannu fuecu misira allu skrasciali.»

Con ciò volendo significare: Povero me, disse il grillo, quando appiccarono il fuoco al roveto.

La storia però non finisce qui perché dopo i giorni tristi vengono sempre quelli lieti.

La tana del grillo fu ricostruita più bella di prima, in un prato dai bei fiori colorati, con erba fresca e tenera intorno.

Tutto ciò con l’aiuto di solerti vicini e degli animali del coro che vollero manifestare amicizia e comunanza verso il loro canterino compagno.


Gianfranco Pasanisi

Autore: Gianfranco Pasanisi

53 175 55

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
0 Non mi piace0
1 1 1 1 1

Guarda tutti gli scritti di Gianfranco Pasanisi

Le sue ultime pubblicazioni:

Vota questa pubblicazione

05

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare

Martedì, 19 Febbraio 2019 22:06
Martedì, 19 Febbraio 2019
L'unico modo per liberarsi da una tentazione è cederle. (O.Wilde)

  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 53
  • Ospiti: 164
55 Utenti 453 Articoli 29 Web Links 311880 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop