Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto e la sicurezza nella navigazione.
( Normativa europea - Decreto legislativo 69/2012 e 70/2012,  provvedimento del garante privacy  8/4/2014, gazzetta ufficiale 126 3/6/2014,  obbligo di legge dal 3/6/2015) .

La presente Cookie Policy è relativa al sito www.nuovapoesia.com (“Sito”) gestito e operato da Cristiano Sias, via G.Mazzini 48, 15060 Vignole Borbera (AL), C.F. SSICST54P05E004Z (“Cristiano  Sias").

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:
I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:
I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre il Sito utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Il Sito non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; il Sito a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy del Sito si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:
I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.

Cookies essenziali:
Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:
Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Cookies di condivisone sui Social Network:
Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di CookiePrima parte Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàRecuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
DurataCookie persistente
  
2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàMemorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)
  
3) Tipologia di CookiePrima parte - Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàPersonalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)


Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permette di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto dal Sito stesso.

nuovapoesia.com

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Scritto da Gianfranco Pasanisi. Pubblicato in Prosa il 21 Ott 2016.
Hot 525 visualizzazioni 1 piaciuti

Racconto per la caratterizzazione del protagonista: donna mascolina

Con le terga denudate rivolte all’insù, disteso sulla lettiga, nell’ampia sala post – operatoria attendevo, col morale a pezzi, che qualcuno provvedesse alla disinfezione della fistola operatami tre giorni prima.

Un sanitario, un po’ meno distratto degli altri, nel concedermi benevola e preziosa attenzione, mi aveva detto: << Si prepari, verrà a medicarla Suor Maria degli Angeli>>.

Ed ora ero là, nella sconveniente e imbarazzante posizione, esposto alla sguardo malizioso di indaffarate e ridanciane infermiere che avevano scambiato quell’ambiente per movida.

Nel sentir pronunciare il paradisiaco nome di Suor Maria degli Angeli un po’ mi rasserenai poiché, in altra simile circostanza, mi ero già affidato alle amorevoli cure di altra suora dell’Ordine delle Sorelle della Carità ed ero stato assistito con delicatezza e alta professionalità infermieristica.

Sperai, pertanto, di ricevere lo stesso trattamento riservatomi da quella pia donna.

Aspettando che la codardìa cedesse il passo   ad un’ottimistica, seppur timida, fiducia vidi avanzare, simile ad un carro armato, un donnone dall’ampio indumento monacale e dalla corporatura massiccia.

Le maniche dell’abito, tirate all’altezza del gomito, come usano fare le lavandaie, mostravano avambracci robusti da scaricatore di porto, pelosi più degli arti di un lemuride del Madagascar.

La balena, nel suo procedere deciso, faceva ondeggiare, col sederone a damigiana, la sottana da sinistra a destra e la cuffia alata inamidata volteggiava nell’aria somigliando più che a un gabbiano in volo a uno Stukas in fase di decollo.

Giunta che fu vicino alla barella, considerai che quella donna non avesse nulla di Eva mentre di Adamo aveva anche il pomo, che ora si spostava su e giù sotto il collarino apprettato.

Non ebbi il tempo di dissipare la   preoccupazione che avevo provato alla sua vista che ella, con mossa repentina, aveva già strappato con violenza il cerotto e la garza sterile.

Ebbi un sobbalzo.

<< Stia fermo>> Mi intimò con un ruggito cavernoso. E così dicendo prese, tra le chele di una pinza chirurgica, del cotone idrofilo e impregnatolo di disinfettante lo inabissò nel cratere della piaga, girandolo e rigirandolo come se trivellasse con una sonda petrolifera.

<< Suor Maria degli Angeli, mi fa vedere le stelle, i Cherubini, i Serafini del cielo >> imprecai intimorito, tramutando un linguaggio scurrile in un’espressione più confacente all’indirizzo di una religiosa.

<< Non faccia storie, si comporti da uomo >> mi ingiunse soffiandomi addosso il suo fetido respiro, rendendomi, così, dolente non solo nel corpo ma anche nell’orgoglio.

E quando si avvicinò all’altezza del mio naso, percepii inoltre un odore acre, inconfondibile: era l’esalazione della sua incontinenza.

Pensai:<< Costei non usa Tena, il divora odori… e dovrebbe fare, a mio avviso, un PSA…. Avrà certamente problemi di prostata…Tra uomini queste cose si comprendono>>.

E mentre così divagavo, lei imperterrita portò a compimento la sua missione di sollievo della sofferenza.

Dopo aver offeso la mia carne viva ed il mio spirito, come se non bastasse, terminata la medicazione, mi diede una solenne pacca di commiato su un gluteo, non quello incolume e intonso ma quello martoriato dalle sue mani sante.

Trattenni a fatica, ma dignitosamente, un grido di dolore e tra me e me lanciai all’ indirizzo di quella stravagante monaca un impropero:

<< Suor Maria degli Angeli e degli Arcangeli, che Belfagor, Satan, Aleppe e tutti i diavoli dell’inferno ti conducano tra le fiamme eterne e, come scrisse il Sommo Poeta, Barbariccia faccia anche” del cul trombetta” >>

Quel che avevo pensato di dirle non era granché, ma almeno avevo dato sfogo al mio disappunto. Se avessi potuto… L’avrei ammazzata.

 

 

 Racconto per la caratterizzazione del protagonista: donna mascolina

Con le terga denudate rivolte all’insù, disteso sulla lettiga, nell’ampia sala post – operatoria attendevo, col morale a pezzi, che qualcuno provvedesse alla disinfezione della fistola operatami tre giorni prima.

Un sanitario, un po’ meno distratto degli altri, nel concedermi benevola e preziosa attenzione, mi aveva detto: << Si prepari, verrà a medicarla Suor Maria degli Angeli>>.

Ed ora ero là, nella sconveniente e imbarazzante posizione, esposto alla sguardo malizioso di indaffarate e ridanciane infermiere che avevano scambiato quell’ambiente per movida.

Nel sentir pronunciare il paradisiaco nome di Suor Maria degli Angeli un po’ mi rasserenai poiché, in altra simile circostanza, mi ero già affidato alle amorevoli cure di altra suora dell’Ordine delle Sorelle della Carità ed ero stato assistito con delicatezza e alta professionalità infermieristica.

Sperai, pertanto, di ricevere lo stesso trattamento riservatomi da quella pia donna.

Aspettando che la codardìa cedesse il passo   ad un’ottimistica, seppur timida, fiducia vidi avanzare, simile ad un carro armato, un donnone dall’ampio indumento monacale e dalla corporatura massiccia.

Le maniche dell’abito, tirate all’altezza del gomito, come usano fare le lavandaie, mostravano avambracci robusti da scaricatore di porto, pelosi più degli arti di un lemuride del Madagascar.

La balena, nel suo procedere deciso, faceva ondeggiare, col sederone a damigiana, la sottana da sinistra a destra e la cuffia alata inamidata volteggiava nell’aria somigliando più che a un gabbiano in volo a uno Stukas in fase di decollo.

Giunta che fu vicino alla barella, considerai che quella donna non avesse nulla di Eva mentre di Adamo aveva anche il pomo, che ora si spostava su e giù sotto il collarino apprettato.

Non ebbi il tempo di dissipare la   preoccupazione che avevo provato alla sua vista che ella, con mossa repentina, aveva già strappato con violenza il cerotto e la garza sterile.

Ebbi un sobbalzo.

<< Stia fermo>> Mi intimò con un ruggito cavernoso. E così dicendo prese, tra le chele di una pinza chirurgica, del cotone idrofilo e impregnatolo di disinfettante lo inabissò nel cratere della piaga, girandolo e rigirandolo come se trivellasse con una sonda petrolifera.

<< Suor Maria degli Angeli, mi fa vedere le stelle, i Cherubini, i Serafini del cielo >> imprecai intimorito, tramutando un linguaggio scurrile in un’espressione più confacente all’indirizzo di una religiosa.

<< Non faccia storie, si comporti da uomo >> mi ingiunse soffiandomi addosso il suo fetido respiro, rendendomi, così, dolente non solo nel corpo ma anche nell’orgoglio.

E quando si avvicinò all’altezza del mio naso, percepii inoltre un odore acre, inconfondibile: era l’esalazione della sua incontinenza.

Pensai:<< Costei non usa Tena, il divora odori… e dovrebbe fare, a mio avviso, un PSA…. Avrà certamente problemi di prostata…Tra uomini queste cose si comprendono>>.

E mentre così divagavo, lei imperterrita portò a compimento la sua missione di sollievo della sofferenza.

Dopo aver offeso la mia carne viva ed il mio spirito, come se non bastasse, terminata la medicazione, mi diede una solenne pacca di commiato su un gluteo, non quello incolume e intonso ma quello martoriato dalle sue mani sante.

Trattenni a fatica, ma dignitosamente, un grido di dolore e tra me e me lanciai all’ indirizzo di quella stravagante monaca un impropero:

<< Suor Maria degli Angeli e degli Arcangeli, che Belfagor, Satan, Aleppe e tutti i diavoli dell’inferno ti conducano tra le fiamme eterne e, come scrisse il Sommo Poeta, Barbariccia faccia anche” del cul trombetta” >>

Quel che avevo pensato di dirle non era granché, ma almeno avevo dato sfogo al mio disappunto. Se avessi potuto… L’avrei ammazzata.

 

 

 

 

 


Gianfranco Pasanisi

Autore: Gianfranco Pasanisi

53 175 55

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
2 Non mi piace0
4 1 1 1 1 1 Gradimento medio 4.00 (Voti 1)

Guarda tutti gli scritti di Gianfranco Pasanisi

Le sue ultime pubblicazioni:

Vota questa pubblicazione

45

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Qualche problema con L'Editor: non sei il primo, io in genere li odio, ma non si può farne a meno :)

    Una piacevole lettura: se l'obiettivo era la caratterizzazione del personaggio, direi che per quanto riguarda l'aspetto di Suor Maria degli Angeli è perfettamente riuscito, ma manca di interiorità, ammesso che ne avesse. Invece abbonda chiarissima quella del paziente, fin troppo paziente e rispettoso... più autentico e presente, vivo e... sofferente!
    Piacevole lettura. Grazie!

Venerdì, 23 Agosto 2019 02:20
Venerdì, 23 Agosto 2019
È una bella prigione, il mondo. (Shakespeare)

  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 55
  • Ospiti: 265
57 Utenti 469 Articoli 29 Web Links 376488 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop