Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

nuovapoesia.com

5 1 1 1 1 1 Gradimento medio 5.00 (Voti 2)
Scritto da Gianfranco Pasanisi. Pubblicato in Prosa il 06 Ott 2016.
Hot 882 visualizzazioni 1 preferiti

L’eremita

 

 

 

«Nell’immaginario sono un filosofo misantropo, un pensatore, un uomo che si astrae dalla realtà, dal quotidiano, per vivere in un mondo tutto suo, permeato di saggezza e austerità interiore. Per gli altri la mia solitudine è una scelta di supremazia intellettiva, di superiorità etica, una predilezione per il misticismo e l’ascesi. No! Sono altre le ragioni che mi spingono a vivere in questo luogo misterioso e inquietante, in quest’atmosfera sospesa, in questo borgo che non è più un paese ma solo ruderi scheletrici immersi nella vegetazione spontanea. Qui tutto è morto, trapassato come la vita che in questo luogo era animata dalle voci stridule dei bambini e dai suoi abitanti, mentre ora è immerso nel silenzio, rotto solo dal fruscio delle piante selvatiche e dalle folate del vento. Ogni cosa è squallore e sconforto, desolazione e abbandono. Le stagioni qui scorrono impietose, la primavera non rallegra questo sepolcreto e l’autunno e l’inverno lo rendono ancora più spettrale. In estate la canicola opprimente rinsecchisce in aride piante la vegetazione infestante;  le carcasse delle case si stagliano con le loro asperità rivolte verso il cielo, in un paesaggio irreale, bruciato dal sole. Là ci sono i calanchi con le sterili rotondità o i grinzosi pendii scavati o ammorbiditi nelle forme dalle piogge e dal vento e i secolari ulivi ben barbicati tra terra e sassi.

Qui,  a trecentonovantuno metri dal livello del mare,  consumo le mie giornate tutte uguali, logore come questi avanzi di costruzioni distrutte dalla frana del sessantatre.

Graco, il paese fantasma, è la mia dimora. Tutto di esso mi appartiene. Le rovine, le macerie, i ruderi sono  tracce di una vita sepolta, al pari della mia, sotto crolli distruttori.

La solitudine che vivo in questo luogo disabitato è espiazione, riparazione per le mie colpe, è penitenza e castigo. È   condanna che nessun tribunale mi ha mai inferto ma che infliggo da me con la coscienza e la consapevolezza del male che ho arrecato a me stesso e agli altri.

Graco è il tropo della mia esistenza un tempo tranquilla e serena, travolta da uno smottamento, da uno scivolamento, da un cedimento demolente. In questo borgo antico si propaga un’eco misteriosa che io colgo perché risuona dentro di me, nell’anima, nella coscienza mai acquietata. Sono le voci di dentro, ridondanti di pena, di ammenda.

In questo luogo Gibson ha girato il film "Passion"  e qui io vivo la mia sofferenza.»

 

Così parlò l’eremita e le sue parole scavarono nel profondo della mia sensibilità. Ho avuto il privilegio di incontrarlo durante una visita guidata in Basilicata. Egli abitava in una casupola situata in cima a una fila di scalini dalla defaticante ripidezza. Su quell’erta mi arrampicai da solo, distaccandomi dalla comitiva. Ero stato sospinto in quel luogo da un arcano presentimento, da un misterioso intimo richiamo.

Il personaggio di cui vi ho narrato mi venne incontro come se già mi conoscesse. «L’aspettavo» mi disse. Era un uomo greve, solenne, dalla lunga barba e dai fluenti capelli che scendevano fino all’omero.

Se vi capitasse di visitare Graco e di chiedere sue notizie, nessuno saprebbe fornirvi informazioni su di lui e, ne sono certo, non lo incontrereste mai. Ora non è più là. C’era soltanto quando ci sono stato io. E dei suoi segreti sono l’unico depositario, perché egli li ha rivelati solo a me.


Gianfranco Pasanisi

53 175 55

3 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Gianfranco Pasanisi

Le sue ultime pubblicazioni:

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Mi sembra di rileggere un'ottima penna già incontrata, ma la firma non mi rammenta nessuno.
    Non continuerò ad elogiare la purezza raffinata della tua prosa, ma qui vorrei sottolineare i molti spunti su cui ci inviti a riflettere. Solo come esempio: la bellezza di luoghi abbandonati, la desolazione del loro degrado, l'aspetto umano che vi si ritrova, la simbiosi che si rivive fra l'uomo e la sua Madre Terra. Da rileggere e approfondire... me lo segno!



Avatar di Gianfranco Pasanisi
Gianfranco Pasanisi ha risposto alla discussione #195 08/10/2016 12:51
L'Eremita in realtà è l'anima inquieta dell'autore, il suo alter ego cogitabondo che, nella cornice di un paesaggio desolante, medita sulla propria vita, mettendo a nudo la sua coscienza
Avatar di ester
ester ha risposto alla discussione #194 07/10/2016 20:42
Il titolo credo sia la chiave di lettura di questo magnifico testo dai mille spunti, che ancora una volta ci richiama all'attenzione per luoghi meravigliosi eppure abbandonati al loro degrado.
FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



A proposito di politica, ci sarebbe qualcosa da mangiare? (Totò)
A proposito di politica, ci sarebbe qualcosa da mangiare? (Totò)
  • Utenti Online: 1
  • Utenti Offline: 49
  • Ospiti: 679
51 Utenti 497 Articoli 515709 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop