Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

Ogni acquisto aiuta Nuovapoesia

Ogni acquisto fatto tramite questo banner aiuta Nuovapoesia

5 1 1 1 1 1 Gradimento medio 5.00 (Voti 1)
Scritto da Francesco Marco Narrastrofe. Pubblicato in Poesie il 12 Mag 2016.
Hot 1307 visualizzazioni 0 preferiti

Friggono, tra loro distanti,
magri filari di lampioni.
S'inarcano come amanti,
curve colonne, inchinar costellazioni.

Fronde notturne bisbigliano
sussurri corvini al vento.
In altra lingua intrecciano,
brezza e segreti del firmamento.

Campanile abbaia periferia
lui il signore, l'altra silente.
Spira un brivido l'anima mia,
se tutto ascolto, nessuno mi sente.

E mi scorgo piccolo o niente,
felpar passi su cortili viventi.
Ma grida un graffiar stridente,
e un frenar di bici mi rivela ai presenti.


Francesco Marco Narrastrofe

61 352 64

2 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Francesco Marco Narrastrofe

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



A casa sua ognuno è Re. (Proverbio italiano)
A casa sua ognuno è Re. (Proverbio italiano)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 51
  • Ospiti: 914
54 Utenti 510 Articoli 678153 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop