Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Consumo mani dentro notti, cassetti pieni e quelli vuoti,
sulle ombre e volti incompiuti, polverosi sentieri cancellati
e mi consumo dentro la risonanza amplificata dall’ottundimento della percezione in caduta libera
che nel sonno di nessun’alba a scostare
le tende mi serve di contorno.

Macchiano di sensazione dolorosa gli errori
e le frasi fatte senza più manco lo stupore
a dare originalità al mattino.
Piatta e insensibile è questa notte
e quelle umide sempre più prospicienti
sulle quali mi affaccio per cortili inabitati
e dopo il fiume ed il fango consumo mani annaspando
e graffiando d’inettitudine subendomi.

MicolDaniels

 


 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
2 Non mi piace0
4.6666666666667 1 1 1 1 1 Gradimento medio 4.67 (Voti 3)