nuovapoesia.com Scrittori e Poeti del Web

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1

Accedi per votare il brano


Gradimento medio 5.00(Voti 1)
Scritto da Aurelio Zucchi. Pubblicato in Poesie il 16 Ott 2022.
Hot 2175 visualizzazioni 0 preferiti

Ora che il mare aspro diventa

e d’antracite la luna si veste,

alta e discreta la notte s’accosta

mentre la stasi mi fa prigioniero.

 

Nella collina non più contornata

dove presumo già dorma il borgo, 

con ostinazione cerco una luce

capace di darmi continuità.

 

Lassù, non una stella intravedo

che si riveli dell’altre più ardita

nell’infinito di nero rigato,

avaro nel dare spazio al respiro.

 

Riporto lo sguardo dov’era prima

e di una nave pretendo la scia,

quel tocco bianchissimo a soppiantare

il cupo disordine di onde folli.

 

Vorrei ch’arrivasse l’aurora

del tipo fucsia, netta, e impaziente

d’aprire in cielo lo squarcio ribelle,

l’effetto euforia di sistole errante…

 

In quest’attesa del via alle danze,

conforto mi è nel prendere tempo

l’idea di essere non del tutto solo.

É la notte che mi prende per mano.

 

*

Stesura 2008

 

 


Aurelio Zucchi

17 141 19

  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

Guarda tutti gli scritti di Aurelio Zucchi

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Non esistono fatti, ma solo interpretazioni . ( Nietzsche)
Non esistono fatti, ma solo interpretazioni . ( Nietzsche)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 54
  • Ospiti: 317
58 Utenti 744 Articoli 1973108 Visite agli articoli 20 Web Links

Grazie da Nuovapoesia

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   Timeline