La libreria più grande del mondo!


La libreria più grande del mondo!

1 1 1 1 1

Accedi per votare il brano


Gradimento medio 4.00(Voti 4)
Scritto da Carmelo. Pubblicato in Poesie il 04 Mag 2016.
Hot 1586 visualizzazioni 1 preferiti

 

Sei virgola adesso
nella pagina del mio diario
un tratto di penna ricurvo
una sospensione inattesa.
Sospiro tra guanciali di carta
nel ricordo di un vecchio gabbiano
come nuvola ingiallita dal tempo
e dalla sovrana memoria.
Nella punteggiatura ti inseguo
parentesi a tratti inattesa
nella frase più rara
ed è già contesa tra pari.
Nel virgolettato accento ascolto
la differenza che coglie quel verso,
lineare, semplice e puro,
adesso profondamente diverso.
Sgorga irrequieta come sorgente
la fonte del sapere che attinge
dalle catene che avvolgono inquiete
la mia sorgente di vita
e rifletto in te le pene
in quel mio nero d'inchiostro.

 

 

 



Carmelo

2 13 3

4 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Carmelo

Le sue ultime pubblicazioni:

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Lasciami tutte le rughe, non me ne togliere nemmeno una. Ci ho messo una vita a farmele. (A.Magnani)
Lasciami tutte le rughe, non me ne togliere nemmeno una. Ci ho messo una vita a farmele. (A.Magnani)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 52
  • Ospiti: 107
56 Utenti 579 Articoli 871199 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   

Cambia l'aspetto chiaro/scuro