nuovapoesia.com Scrittori e Poeti del Web

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1

Accedi per votare il brano


Gradimento medio 5.00(Voti 1)
Scritto da michela. Pubblicato in Poesie il 16 Lug 2022.
Hot 704 visualizzazioni 0 preferiti

LA MIA TERRA

In lontananza gli orizzonti come

superbi testimoni si accavallano

e li vedo passare sulle pietre

della mia terra, ma sono fantasmi

che bruciano nell’infinito riarso

dal sole caldo come i fichi d’india.

 

Curve si rompono al balugìnio

di vapori e al respiro delle zolle

ansanti mentre un contadino curvo

sull’aratro le muove.

 

Dipinta a caso o forse da una mano

sapiente, spicca l’agave innalzandosi

puntuta sui cocuzzoli e racconta:

“C’erano qui una volta…

 

…sì, c’erano carretto e carrettiere,

c’era la gente siciliana e c’era…

…c’era una volta la Sicilia terra

di zagare ed ulivi,

di fatiche e sofferta emigrazione,

di tanti gattopardi e corruzione,

di matti e geni, di pupari e pupi,

di poeti e cantastorie…”

 

Sicilia, terra antiche di certezze

e di contraddizioni, crocevia

di popoli conquistatori e mai

domata, dal tuo grembo come l’Araba

Fenice un giorno tu saprai rinascere

e non sarà più cenere il Tuo nome.


michela

73 605 77

  • 1
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

Guarda tutti gli scritti di michela

Le sue ultime pubblicazioni:

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Non permettere alle tue ferite di trasformarti in qualcuno che non sei. (P.Coelho)
Non permettere alle tue ferite di trasformarti in qualcuno che non sei. (P.Coelho)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 54
  • Ospiti: 244
58 Utenti 743 Articoli 1942232 Visite agli articoli 20 Web Links

Grazie da Nuovapoesia

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   Timeline