nuovapoesia.com


La libreria più grande del mondo!


La libreria più grande del mondo!

1 1 1 1 1
Scritto da Sergio Pescatori. Pubblicato in Poesie il 20 Giu 2022.
119 visualizzazioni 0 preferiti

Non correre dietro al tempo che scorre

lui è molto più veloce

Dal momento del pensiero

fino all'azione è già passato

In mezzo c'è la tua consapevolezza

che ha la stessa velocità 

Sta a te, proseguire o fermarti... 


Sergio Pescatori

2 30 4

1 Non mi piace0

Le sue ultime pubblicazioni:



Avatar di Sergio Pescatori
Sergio Pescatori ha risposto alla discussione #287 25/06/2022 08:53
La vedo bene questa nuova funzione così da arrivare prima sul forum
Avatar di Cristiano Sias
Cristiano Sias ha risposto alla discussione #286 24/06/2022 17:05
Cosa ti sembra di questa funzione che collega al forum? Se non mi vedi troppo in giro è solo apparenza, sto dietro le quinte a fare un lavorone per avere un sito migliore. Ma il lavoro è tanto :)
Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Una grande verità espressa in versi, e l'importanza di mantenere una propria andatura senza farsi condizionare da quella altrui o dai ritmi che vorrebbero imporci, sia la società sia la natura, spazio e tempo. Ricordo che, andando in auto dietro uno che mi obbligava a un certo ritmo, magari frenando quando io avrei accelerato o viceversa, lo dovevo per forza superarlo, oppure, se questo non era possibile, mi fermavo dieci minuti alla prima piazzuola e partivo poi con la strada libera. A volte mi chiamavano un "posapiano", ma quando potevo fare la mia andatura alla fine ero più veloce di tutti. Come potevo io fare la pecora in fila come spesso fanno oggi in molti? Proseguire o fermarsi dipende proprio da questa consapevolezza. La vita non è una gara. In ogni caso così è anche molto più rilassante, ma se ti scatta l'adrenalina corri ragazzo, vai, che non ti ferma nessuno. E vivi!

    (Ti scrivo un messaggio pvt Sergio, occhio alla bustina in alto a dx)

  • A me è successo che improvvisamente mi sono guardata "indietro". Ho pensato che non avevo fatto altro che impegnare la mia vita per doveri che se pur importanti e necessari mi hanno allontanato da me stessa. Improvvisamente ho preso a distillati il tempo, a concedermi un buon film che io stessa avevo scelto, prendermi tutto il tempo per leggere un libro, guardare un orizzonte al tramonto e cedere alla bellezza, insomma il "qui ed ora" propriamente vissuto. Mi sono dovuta fermare e Ignorare la voce dell'affannarsi quotidiano. Una voce più subdola ed insistente che si chiama dolore mi ha sbattuto in faccia il senso della vita che è costruito nel tempo. Non svalutiamo il tempo.

  • Cara Daniela, il tempo è sempre lo stesso, siamo noi che dobbiamo fermarlo e porci in una situazione più consona ai meri piaceri individuali di ognuno di noi.
    È ovvio che oggigiorno nel turbinio dei doveri, non abbiamo più il tempo per vedere il sole che muore dietro la collina è come se muorissimo un po' anche noi nella speranza di fermare quel tramonto...

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



L'Italia è una Repubblica affondata sul lavoro. (C.Sias)
L'Italia è una Repubblica affondata sul lavoro. (C.Sias)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 53
  • Ospiti: 241
55 Utenti 546 Articoli 852791 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   

Cambia l'aspetto chiaro/scuro