Era d’estate
quanno me rubasti er primo bacio
sotto que l’arbero gigante
sopra a lo Zodiaco.

Ero giovine e fraggile,
ma le braccia tue sicure
me facero sentì granne.

Co’ te vicino
sò diventata donna,
moje, madre e nonna.

Cinquant'’anni sò passati
da quanno sentii quer bacio.

Ne l’anni nun m’è mai mancata
la mano tua sicura,
che m’ha protetta e accarezzata ogn'ora
e l’amore nostro nun s’è mai piegato
sotto a li temporali
che la vita ciaveva preparato.

Sarà stato forze merito
de quer primo momento maggico,
de quer zole comprice de giugno
se è stata sempre estate ne l’amore nostro.

E mò che m’hai lassato sola,
risento su le labbra
er sapore dorce
de quer nostro primo bacio.

(11 Giugno 1972)
2 Non mi piace0