nuovapoesia.com


La libreria più grande del mondo!


La libreria più grande del mondo!

4 1 1 1 1 1 Gradimento medio 4.00 (Voti 1)
Scritto da Carmen Cantatore. Pubblicato in Poesie il 31 Mag 2022.
106 visualizzazioni 0 preferiti

Ungerò il mio corpo con olio profumato,

essenza di nardo.

E di unguento e balsamo

lenirò ferite lacerate.

Su candidi lini deporrò le membra

quando stanche staranno

nell'immobilità del sonno eterno.

Chiuderò gli occhi.

Pesanti, le palpebre, saranno usci

e discrete cortine di silenzio.

Ho dentro, nell'anima, portoni pesanti d'indiscrezione.

Sfondati e oltrepassati in mortificazione.

Porterai il tuo sasso gravoso,

lo poserai sul mio sepolcro

con mani tremanti brancolanti nei ricordi

sudario del nostro vivere.

Essenze.

Umori e nostalgie.

Retaggi di pelle, in legni e resine,

tra anfratti violati, espugnati, sofferti e donati.


Carmen Cantatore

84 659 85

1 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Carmen Cantatore

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



L'Italia è una Repubblica affondata sul lavoro. (C.Sias)
L'Italia è una Repubblica affondata sul lavoro. (C.Sias)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 53
  • Ospiti: 259
55 Utenti 546 Articoli 852791 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   

Cambia l'aspetto chiaro/scuro