nuovapoesia.com

4.865

4.8571428571429 1 1 1 1 1 Gradimento medio 4.86 (Voti 7)
Scritto da Francesco Marco Narrastrofe. Pubblicato in Poesie il 01 Mag 2016.
Hot 3808 visualizzazioni 0 preferiti

Sui profili dei caseggiati,
riprende fiato un grasso tramonto,
stringe lamenti, occhi arrossati,
stringe al suo centro un cuore infranto.

Lungo i cortili acciottolati,
mi seguono voci che non comprendo.
Echi di risa da persiane filtrati,
stridono voci di un altro mondo.

Un casolare che mostra il fianco,
a quello s'inerpica il suo rampicante,
aggrappa il filare come io arranco,
ma quel tramonto è parete distante.

Tramonto stanco, di altro colore,
Gesto distratto e fioca voce,
sogno di mare senza sapore,
fuoco di legna privo di brace.

Precipita foglia, rovescia lo schianto,
del peso crollo di tutti gli autunni.
Precipitasse giù anche questo tramonto,
calpestar orizzonti di cent'anni.

Lungo il margine da pini alberato,
aghi e selciato, la strada intreccia,
rami artigliar quel cielo rigato.
di un tramonto normale, ho io mal di testa.


Francesco Marco Narrastrofe

Autore: Francesco Marco Narrastrofe

61 352 64

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
11 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Francesco Marco Narrastrofe

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
È più divertente essere un pirata che arruolarsi in marina.(S.Jobs)
  • Nessun messaggio da mostrare.
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 51
  • Ospiti: 1,413
52 Utenti 481 Articoli 477152 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop