Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

Ogni acquisto aiuta Nuovapoesia

Ogni acquisto fatto tramite questo banner aiuta Nuovapoesia

5 1 1 1 1 1 Gradimento medio 5.00 (Voti 1)
Scritto da Carmen Cantatore. Pubblicato in Poesie il 25 Ott 2020.
242 visualizzazioni 0 preferiti
Preferisco starmene fuori da stanze circoscritte, prediligo i miei spazi liberi, senza recinti, senza confini.
Preferisco il colore nero del mio mantello che troppi credono di dubbia origine, al bianco cangiante dei falsi profeti.
Preferisco le note a volte stonate della mia voce che il gracchiare emulante di un pappagallo.
Preferisco la danza solitaria di piedi e gambe rapite dalla musica, alle coreografie unisone di mille piedi uniformi.
Preferisco cadere e rialzarmi mille volte ai girotondi cromati che non sanno coraggiosamente mescolare i colori...
Preferisco la mia mente dubbiosa e senza certezze, alla certezza granitica di oche selvatiche.
Preferisco la critica del presuntuoso giudizio che l'asservimento al pensiero comune.
Preferisco la scomunica al baratro dell'omologazione.
 

Carmen Cantatore

79 600 81

5 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Carmen Cantatore

Le sue ultime pubblicazioni:

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Nessun commento trovato
FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Che cos'è il tempo? Se non me lo chiedi lo so, se me lo chiedi, non so rispondere. (Agostino)
Che cos'è il tempo? Se non me lo chiedi lo so, se me lo chiedi, non so rispondere. (Agostino)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 51
  • Ospiti: 380
54 Utenti 505 Articoli 569568 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop