Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

Ogni acquisto aiuta Nuovapoesia

Ogni acquisto fatto tramite questo banner aiuta Nuovapoesia

4 1 1 1 1 1 Gradimento medio 4.00 (Voti 1)
Scritto da Sergio Pescatori. Pubblicato in Poesie il 12 Ott 2020.
Hot 505 visualizzazioni 0 preferiti

 

Ridea lo core mio
di pari co lo mio intelletto

prono di cotanto sdegno
allorché caddi dallo letto

se con tutto lo coraggio mio
pur se venisti nello sogno

stupito rimasi dello corpo tuo
allorché ancor estasiato

ma stando ancora sveglio
ed io di nuovo inebriato


Sergio Pescatori

6 37 8

1 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Sergio Pescatori

Le sue ultime pubblicazioni:

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce. (D.Parolin)
Fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce. (D.Parolin)
  • Nessun messaggio da mostrare.
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 52
  • Ospiti: 389
53 Utenti 513 Articoli 742265 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop