Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

Ogni acquisto aiuta Nuovapoesia

Ogni acquisto fatto tramite questo banner aiuta Nuovapoesia

5 1 1 1 1 1 Gradimento medio 5.00 (Voti 1)
Scritto da Cristiano Sias. Pubblicato in Poesie il 16 Set 2020.
Hot 1107 visualizzazioni 1 preferiti

alberocaduto.png

Quell'albero fermo
sul curvare del viale
fra la moltitudine di piante
a debita distanza
in continuo movimento
di foglie agitate
e vociare d'uccelli
così immobile e indifferente
che sembrava finto
senza un fruscio
senza uno sfoggio
come un padrone
o uno schiavo in attesa
come un centro
fuori dal cerchio
come una scultura
di un artista invisibile
un giorno cadde
senza rumore
senza un lamento
semplicemente cadde
con un tonfo sordo sulle case
sulla folla distratta
impietoso graffiante spento
fra le urla di chi veniva colpito
e tutti quanti si girarono increduli
come ha fatto
era forte
come è possibile
era così fiero
e noioso
e scontato
utile sì per l'ombra
bello sì per la grandezza
la pacatezza
nessuno lo guardava
perché era sempre lì
cosa c'era da guardare
era una quercia o un platano
e si accorsero che esisteva
vedendo il vuoto rimasto
gridavano che peccato
e qualcuno pianse.
Eppure di segnali
ne aveva dati tanti
con le sue foglie mute
i suoi rami stanchi.

Cristiano Sias

49 565 53

0 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Cristiano Sias

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Nessun commento trovato
FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Memento audere semper. (D'Annunzio)
Memento audere semper. (D'Annunzio)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 52
  • Ospiti: 199
59 Utenti 510 Articoli 720796 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop