Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1
Scritto da Carmen Cantatore. Pubblicato in Poesie il 26 Mag 2019.
Hot 636 visualizzazioni 0 preferiti

Sepolta nella roccia,

cattedrale d'antichi graniti,

rossa di soli

e furiosa di venti,

di spazi silenti d'intorno.

E così io sono.

Arenaria!

Ho rocce di scordanze in fondo.

Ho venti di pensieri traditi.

Ho eclissi di soli e di lune.

Ho astri splendenti.

Ho graniti scolpiti e pungenti,

sulla pelle tracciano solchi: ricordi.

Sbiaditi.

Cattedrale d'antichi momenti,

momenti caduti nel vuoto.

Caduti col fragore del dolore,

dentro carni graffiate d'artigli.

Caduti col fragore dell'Amore,

dentro suoni di sonni scaduti.

Graffiti di intemperie battenti.

Graffiti di tempeste furenti.


Carmen Cantatore

Autore: Carmen Cantatore

76 577 77

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
3 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Carmen Cantatore

Le sue ultime pubblicazioni:

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Nessun commento trovato
Qualcuno sulla pagina del mare traccia un segno di vita, figge un punto. Raramente qualche gabbiano appare. (M.Luzi)
Qualcuno sulla pagina del mare traccia un segno di vita, figge un punto. Raramente qualche gabbiano appare. (M.Luzi)
ester - ha risposto al commento n. 727 di La Notte
  • Utenti Online: 2
  • Utenti Offline: 48
  • Ospiti: 601
50 Utenti 491 Articoli 494892 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop