nuovapoesia.com

4.55

4.5 1 1 1 1 1 Gradimento medio 4.50 (Voti 2)
Scritto da Carmen Cantatore. Pubblicato in Poesie il 13 Lug 2018.
Hot 611 visualizzazioni 0 preferiti

Si accende la notte 
sugli occhi chiusi del giorno
e dilaga le sue oscurità sui mali e sui dolori.
S'agitano i venti delle stelle 
che stupite piegano lo sguardo sulle ombre.
S'alza un grido ripugnante
e rimane appeso tra le coltri del pensiero.
Disordine e confusione questo vivere.
Nel mezzo del deserto lascerò le mie lacrime
là dove tu non le troverai, 'ché appena versate 
già saranno evaporate.
No, non chiederò pietà, nessuna elemosina.
La mia ricchezza già sovrasta,
La mia abbondanza basta a sé.
Colma sono di tesori siderali
che qui non hanno residenza.
Così andrò!


Carmen Cantatore

Autore: Carmen Cantatore

74 564 76

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
2 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Carmen Cantatore

Le sue ultime pubblicazioni:

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Nessun commento trovato
È più divertente essere un pirata che arruolarsi in marina.(S.Jobs)
  • Nessun messaggio da mostrare.
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 51
  • Ospiti: 1,427
52 Utenti 481 Articoli 477163 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop