Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

Ogni acquisto aiuta Nuovapoesia

Ogni acquisto fatto tramite questo banner aiuta Nuovapoesia

1 1 1 1 1
Scritto da Francesco Marco Narrastrofe. Pubblicato in Poesie il 12 Mag 2018.
Hot 911 visualizzazioni 0 preferiti

Possediamo doveri immaginari
se procacciamo 
denaro per i pasti.

Se non esistesse un modo,
altre circostanze,
avremmo più cielo.

Per questo cerco imbarco
tra coloro che non parlano,
e i nomi sono fonemi inviolati.

Educati bagliori scagliati al suolo
di questa pioggia incessante,
ascolto i mille rumori perché non lo sono.

Suoni, dono ovunque 
e dagli stessi luoghi, 
l’anima assolta di essi.

Abbandonarmi, 
un perdutamente indimenticato, per questo reale 
e vivo più estesamente province inarrivabili.

Cent’anni di componimenti in canto
e su quello, una voce con fattezze di donna,
con altra veste irreale e, con quella indosso, svestirsi.

Scrosci in pace e divento chi sono
pensiero con fattezze d’uomo 
e, di quello, svestirmi.

-----------------------------------------
Tutti i diritti riservati a chiunque
@F.M.Narrastrofe@2018


Francesco Marco Narrastrofe

61 352 64

0 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Francesco Marco Narrastrofe

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Nessun commento trovato
FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



L'Italia è una Repubblica affondata sul lavoro. (C.Sias)
L'Italia è una Repubblica affondata sul lavoro. (C.Sias)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 51
  • Ospiti: 750
54 Utenti 506 Articoli 600093 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop