Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

 

i motivi. E le ragioni si esibiscono.

Coturni ai piedi, maschere e chitoni.

Accade.

Come dopo un dolore.

Un errore.

Un amore. D’abbrivio.

Premurosa conseguenza

che ama disegnarti

d’ingombranti sgorbi: lo specchio.

E non c’è verità, verità di per sé

(sulle mani pesa la tristezza pura della polvere,

ombra del tempo degli eroi).

In pancia un cane, stanco di ululare alla luna,

s’accascia all’ennesima festa degl’ibridi.

Nessuno. E

ciascuno.

Insieme a nessuno

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
2 Non mi piace0
5 1 1 1 1 1 Gradimento medio 5.00 (Voti 1)