Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Irrompe nel pensiero quel ricordo
di una sera lontana, mentre andavi.
Non ti voltasti, immemore del piccolo
rituale fra di noi: la mano alzata
a salutare e l'ultimo sorriso
dal fondo delle scale. Infreddolite
braccia incrociavo al petto e pugni chiusi.
L'angoscia del distacco penetrava
la mente come lama. Il gesto obliato
avvampava di dubbi i miei pensieri.
La notte lunga m'attendeva al varco
col letto vuoto e gelide lenzuola.
Avverto ancora lo struggente intrico
di desideri, rabbia e gelosia.
E giacqui inquieta, disarmata e sola,
aggrappata all'attesa
come una foglia al ramo.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
0 Non mi piace0
1 1 1 1 1