Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

Ogni acquisto aiuta Nuovapoesia

Ogni acquisto fatto tramite questo banner aiuta Nuovapoesia

1 1 1 1 1
Scritto da Gisella Ruzzu. Pubblicato in Poesie il 04 Gen 2018.
Hot 812 visualizzazioni 0 preferiti

Irrompe nel pensiero quel ricordo
di una sera lontana, mentre andavi.
Non ti voltasti, immemore del piccolo
rituale fra di noi: la mano alzata
a salutare e l'ultimo sorriso
dal fondo delle scale. Infreddolite
braccia incrociavo al petto e pugni chiusi.
L'angoscia del distacco penetrava
la mente come lama. Il gesto obliato
avvampava di dubbi i miei pensieri.
La notte lunga m'attendeva al varco
col letto vuoto e gelide lenzuola.
Avverto ancora lo struggente intrico
di desideri, rabbia e gelosia.
E giacqui inquieta, disarmata e sola,
aggrappata all'attesa
come una foglia al ramo.


Gisella Ruzzu

17 96 19

0 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Gisella Ruzzu

Le sue ultime pubblicazioni:

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Nessun commento trovato
FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Vivi ogni giorno della vita come fosse l'ultimo. (Seneca)
Vivi ogni giorno della vita come fosse l'ultimo. (Seneca)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 51
  • Ospiti: 1,088
54 Utenti 506 Articoli 642940 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop