nuovapoesia.com Scrittori e Poeti del Web

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1

Accedi per votare il brano


Gradimento medio 0.00(Voti 0)
Scritto da Gisella Ruzzu. Pubblicato in Poesie il 21 Set 2017.
Hot 2314 visualizzazioni 0 preferiti

Su marciapiedi opposti del metrò
siamo viandanti senza amore, soli.
Appena il tempo di inquadrarti e già
scivoli dentro la carrozza e via.
Sempre così le nostre vite, in fuga,
in direzioni contrapposte, eppure
non conto più le volte in cui quel vortice
ci ha avviluppato di passione estrema.
Ci siamo presi e poi lasciati e ancora
di nuovo presi e sempre il fuoco in fretta
si esauriva e ci agitava dentro
l'inquieta smania di fuggire altrove, 
senza grovigli di catene strette
che da noi stessi annodavamo intorno
al nostro istinto di restare liberi.
Fuggono i nostri treni e s' allontanano.
Neppure il tempo di un saluto breve.
Meglio così, ché non s'accenda ancora
la strana voglia d'essere a vicenda
recluso e carceriere.


Gisella Ruzzu

21 113 23

  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

Guarda tutti gli scritti di Gisella Ruzzu

Le sue ultime pubblicazioni:

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



A michela piace il commento su Tempo sospeso
A Cristiano Sias piace il commento su L'assoluto
Primum vivere, deinde philosophari. (Aristotele)
Primum vivere, deinde philosophari. (Aristotele)
A michela piace il commento su Tempo sospeso
A Cristiano Sias piace il commento su L'assoluto
A Carmelo piace il commento su Riflessione
Cristiano Sias ha commentato Riflessione
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 54
  • Ospiti: 490
58 Utenti 742 Articoli 1876513 Visite agli articoli 20 Web Links

Grazie da Nuovapoesia

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   Timeline