Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1
Scritto da Cristiano Sias. Pubblicato in Poesie il 31 Ago 2017.
Hot 1629 visualizzazioni 0 preferiti

foto.png

 

Mi hanno detto: perché ti copri il viso con un cappuccio?

C’è il sole, fa caldo e quel tessuto leggero non ti proteggerà se piove

il vento gli passerà attraverso e la gente ti guarderà strano.

Perché dunque ti nascondi?

Mi nascondo perché non mi trovino i ricordi e il domani mi possa aspettare.

Mi nascondo perché si confonda e non sia in pena il maestrale

per avermi troppo flagellato in passato,  e dei cui schiaffi oggi

ho ancora bisogno; e perché mi carezzino lo zefiro e la luna

come fossi ogni volta un nuovo amante. Mi nascondo perché non mi scopra

il mare, che ancora mi cerca nei suo abissi, e non si vendichi per il mio abbandono

dopo i tanti amplessi che ci avevano legati,  per sempre, credevamo.

E di nuovo mi hanno detto: noi ci mettiamo la faccia, perché copri tu  la tua?

Perché io ho tante facce, una per ogni bacio che ho scambiato, una per ogni risveglio

in cui scoprivo d’essere vivo, una per ogni notte che non ho dormito.

Ho tante facce per ogni luce del giorno, per ogni sguardo nell’oscurità

per ogni volta che ho riso con voi e che ho pianto di nascosto,

tante come le nostre gocce di sudore e i dolci tremiti della pelle.

Ho tante facce e un cuore solo,  quello io non posso mostrarvi, quello dovete cercare.

Ho tante facce ma un’anima sola, sbriciolata negli angoli più lontani

in frammenti di pensieri , fusi nelle fiabe più belle di ogni bambino folle

e sciolti nella neve per dissetare piante e arcobaleni.

Quella, dovete aiutarmi a ritrovare.

Ho tante facce perché la morte non mi riconosca e ogni volta che m’incontra

sia come la prima volta e con lei la vita quando nasco e l’amore che mi salvò.

Io vorrei mostrarvele tutte ma non posso,  mi è concesso solo per alcune.

Spero che vi bastino.

E se nell’ombra vi capitasse di intravedere qualcosa, anche solo un barlume di speranza

non abbiate il timore di venirmi incontro, per scambiarci  quel sorriso, quel respirare

che spesso  vi ho dato in dono,  al prezzo di una vita e un bacio

e troppe volte vi ho negato, per non farvi male.


Cristiano Sias

Autore: Cristiano Sias

41 469 45

prova
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
4 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Cristiano Sias



Avatar di ester
ester ha risposto alla discussione #253 03/09/2017 00:57
Tante espressioni, momenti diversi, ma un unico cuore... Lasciamo questa pagina qui, perché non passi inosservata, per chi ancora non ti sa come noi... per chi si chiede ancora perché.
Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
Qualcuno sulla pagina del mare traccia un segno di vita, figge un punto. Raramente qualche gabbiano appare. (M.Luzi)
Qualcuno sulla pagina del mare traccia un segno di vita, figge un punto. Raramente qualche gabbiano appare. (M.Luzi)
ester - ha risposto al commento n. 727 di La Notte
  • Utenti Online: 2
  • Utenti Offline: 48
  • Ospiti: 334
50 Utenti 492 Articoli 495042 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop