nuovapoesia.com Scrittori e Poeti del Web

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1

Accedi per votare il brano


Gradimento medio 0.00(Voti 0)
Scritto da Gisella Ruzzu. Pubblicato in Poesie il 31 Lug 2017.
Hot 1663 visualizzazioni 0 preferiti

Nel dubbio, in bilico, mi tenta ancora
il richiamo della deriva,
come il  canto delle sirene
sul baratro del mare.
Conosco questa voce,
conosco la potenza:
altre volte fuggii per strade impervie.
Ora non so. Discenderei
 senza fatica, sulla scia del suono,
senza guardare indietro
agli anni ormai dissolti
nella follia di un sogno o di un amore.
Sono vissuta in corsa,
innamorata persa
di un corpo o di un’idea;
mani protese a un sogno,
quasi raggiunto e sempre un palmo avanti.
Ho annaspato in affanno
nel mare dei perché
sul senso della vita.
Ho persino creduto,
a forza, a pugni chiusi,
di riplasmare il mondo.
Ora conosco il senso: è la deriva;
tacere, aprire i pugni,
a braccia abbandonate,
lasciarmi andare alla deriva.
Restituirò alla terra
la chimica del corpo e del pensiero,
la cenere dei fuochi
accesi inutilmente:
forse così troverò pace.
Eppure è stato bello innamorarmi.


Gisella Ruzzu

21 113 23

  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

Guarda tutti gli scritti di Gisella Ruzzu

Le sue ultime pubblicazioni:

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Le cose più belle della vita o sono immorali, o illegali, oppure fanno ingrassare. (G.B.Shaw)
Le cose più belle della vita o sono immorali, o illegali, oppure fanno ingrassare. (G.B.Shaw)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 54
  • Ospiti: 309
58 Utenti 726 Articoli 1381380 Visite agli articoli 20 Web Links

Grazie da Nuovapoesia

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   Timeline