nuovapoesia.com Scrittori e Poeti del Web

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1

Accedi per votare il brano


Gradimento medio 0.00(Voti 0)
Scritto da Francesco Marco Narrastrofe. Pubblicato in Poesie il 28 Giu 2017.
Hot 2748 visualizzazioni 0 preferiti

Sono trascorsi mesi da ieri,
sono passati brividi sulla schiena,

Anche il miglior chiaro di luna 
è morto al suolo di strada,
ucciso ogni giorno, a forza d'esser ammazzato.

Per questo pensavo 
saresti stata, domani,
nostalgia indefinita.

Pensavo non avrei saputo 
nemmeno se fosse stata
mestizia mia o lasciata li da un qualcuno

illustrazioni su pareti distanti
che tentano qualcosa che non so
in altra lingua in disuso senza parole.

Solo perché ti leghi a qualcuno,
annodi tre volte cent'anni,
sono passate, da ieri, epoche a fior di pelle

e mentre penso questo
mi è concessa, dagli dei,
la consegna delle donne.

e rincorse finite di glorie raggiunte
a riempirmi l'anima 
di prestigiosa desolazione.

Io, di te, bestemmio temporali
come zampillo invoca Nilo miracoloso, 
terrificante e meraviglioso.


Francesco Marco Narrastrofe

61 352 64

  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

Guarda tutti gli scritti di Francesco Marco Narrastrofe

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Che cos'è il tempo? Se non me lo chiedi lo so, se me lo chiedi, non so rispondere. (Agostino)
Che cos'è il tempo? Se non me lo chiedi lo so, se me lo chiedi, non so rispondere. (Agostino)
  • Utenti Online: 1
  • Utenti Offline: 53
  • Ospiti: 1,046
58 Utenti 743 Articoli 1935468 Visite agli articoli 20 Web Links

Grazie da Nuovapoesia

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   Timeline