nuovapoesia.com


La libreria più grande del mondo!


La libreria più grande del mondo!

1 1 1 1 1
Scritto da Carmen Cantatore. Pubblicato in Poesie il 11 Giu 2017.
Hot 1164 visualizzazioni 0 preferiti

Ahimè!

Rammento al bieco inganno

quanto mi fu gradito, nell'ora fonda

che ci vide consacrati amanti

laggiù, nel compiaciuto ventre

custode dei tuoi baci!

Ancora!

Rammento al bieco inganno

le folte argentee foglie

testimoni fitte di carezze

e di vibranti abbracci.

Stavo, lo sguardo attento,

col cuore teso ad ogni mutamento

ma tu, solenne, entrasti

nei miei scoscesi anfratti.

Scolpisti in essi, col tuo scalpello,

l'antico e mai scordato, d'Amore il canto

aspergendovi l'indimenticato danno.

Infine dico!

Rammenta o bieco inganno!

Le luminose stanze del ventre mio

onorasti con l'atteso vanto!

Ed ivi giacemmo in quieta pace

nell'opalescente chiarore tondo

d'un remoto orto d'ulivi che tace!

Qui alzammo i volti immoti e stanchi d'ozii

e vuoto di tempo, in rapidi suggelli,

colmò, diafana luna, nutrice d'equinozi.

Ed ora, immondo e bieco inganno

con dolenti pietre, ruvide e pesanti,

lapideremo insieme ogni tuo malanno.

 


Carmen Cantatore

84 658 84

1 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Carmen Cantatore

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Nessun commento trovato
FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Il cuore ha ragioni che la ragione non conosce. (B.Pascal)
Il cuore ha ragioni che la ragione non conosce. (B.Pascal)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 53
  • Ospiti: 100
55 Utenti 546 Articoli 851248 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   

Cambia l'aspetto chiaro/scuro