nuovapoesia.com Scrittori e Poeti del Web

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1

Accedi per votare il brano


Gradimento medio 0.00(Voti 0)
Scritto da Gisella Ruzzu. Pubblicato in Poesie il 01 Apr 2017.
Hot 2794 visualizzazioni 0 preferiti

Assedio

Mi cinge d’assedio
l’ansia dei giorni
che se ne vanno,
né conosco passaggi segreti
per un’improbabile fuga.
E sopra aleggia
come una spia
l’ombra inquieta
del rimpianto.
La madre austera,
incontri infelici
hanno sottratto ai giorni
la tenerezza, ormai perduta.
Ho acceso roghi
di passioni roventi,
ho scatenato diluvi
per spegnerle,
quando il dolore
superava il piacere.
Ho saputo mordere
con la rabbia della serpe ferita.
Il mio dente ha lasciato segni
e veleno su chi mi feriva.
La tenerezza non c’era,
vergogna che solo ai deboli
s’addice, non al guerriero
che cerca libertà.
Oggi, nella mia fortezza,
sotto questo cielo
in cui rotea inquieto
il volo del rimpianto,
non sono fiera
della mia tenace libertà.
Ho provato l’argano: si è rotto.
Il ponte levatoio
non s’abbassa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Gisella Ruzzu

21 113 23

  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

Guarda tutti gli scritti di Gisella Ruzzu

Le sue ultime pubblicazioni:

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Non permettere alle tue ferite di trasformarti in qualcuno che non sei. (P.Coelho)
Non permettere alle tue ferite di trasformarti in qualcuno che non sei. (P.Coelho)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 54
  • Ospiti: 276
58 Utenti 743 Articoli 1942399 Visite agli articoli 20 Web Links

Grazie da Nuovapoesia

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   Timeline