nuovapoesia.com Scrittori e Poeti del Web

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1

Accedi per votare il brano


Gradimento medio 5.00(Voti 2)
Scritto da Cristiano Sias. Pubblicato in Poesie il 13 Feb 2017.
Hot 5995 visualizzazioni 0 preferiti

ripa_dignity_allegory1.jpg


Mi dicono
sei polemico
sei pesante
un errore mitico

anche eccentrico

uno dei senzadio
che svaniscono come l'aria
quando è vicina
e distante.

Vorrebbero mi chiedessi:
allora chi sono io?

Volo sulle passioni
decidendo quanto pesare
so essere più lieve
di una brezza
o piombare sulla testa
come una montagna di sale
e sfidandole le irrido

ammirandole, le sfioro.

Sono alcune lisce
come i fianchi di una donna
altre tortuose e ingannevoli
come caricature di carnevale.


Mi urlano
sei un illuso
e ogni volta che amo
ogni volta che muoio

li riconosco nel coro

tutti con l'ostia di Dio
sulle seggiole d'oro
il culo  senza occhi
sordi ad ogni richiamo.

Dunque chi sono io:
una speranza o una memoria?

Tra la mia pelle
e la loro
sono carezze sibilanti
appuntite come coltelli
ogni piccolo graffio una vittoria
gocce di sangue come sorelle
sogni come fratelli

unica sposa, la morte.

Vivo la vita fra i baccanti.
Non ho gloria, solo cicatrici
non ho amici
solo persone che ho deluso.

E' tutta qui
la storia.


Cristiano Sias

73 1059 80

  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

Guarda tutti gli scritti di Cristiano Sias

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Se il proprio treno è in ritardo, la coincidenza partirà in perfetto orario.(A.Bloch, La legge di Murphy)
Se il proprio treno è in ritardo, la coincidenza partirà in perfetto orario.(A.Bloch, La legge di Murphy)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 54
  • Ospiti: 531
58 Utenti 744 Articoli 2033693 Visite agli articoli 20 Web Links

Grazie da Nuovapoesia

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   Timeline