Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

Ogni acquisto aiuta Nuovapoesia

Ogni acquisto fatto tramite questo banner aiuta Nuovapoesia

5 1 1 1 1 1 Gradimento medio 5.00 (Voti 1)
Scritto da Cristiano Sias. Pubblicato in Poesie il 18 Gen 2017.
Hot 2300 visualizzazioni 1 preferiti

 

Registravo

il rumore delle mie palpebre

quando ti guardavo

 

pesavo

il pensiero di te

prima di addormentarmi

 

misuravo

la distanza fra i nostri corpi

mentre ci amavamo

 

stringevo nel pugno

l'atmosfera di ogni nostro incontro.

 

A chi mi diceva

che le palpebre non fanno rumore

che un pensiero non si può pesare

che la distanza è zero

e l'atmosfera in un pugno

è un nulla fugace

rispondevo:

di questo nulla

io vivo.

 

Ora che non ci sei più

che la vita è di nuovo mia

ho tutto quello che voglio

anche i sassi che raccolgo

sulla spiaggia dove ci siamo incontrati.

 

A chi mi dice

che sono fortunato

perché ho tutto

anche una bella collezione di sassi

rispondo:

di questo tutto

io sto morendo.


Cristiano Sias

50 571 54

3 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Cristiano Sias

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • L'amore non ha nulla di razionale, ma il dolore per un'assenza è reale...
    Ho esaurito gli aggettivi, mi stupisci sempre, eppure ogni tuo verso è la pura verità!

  • Per me resta sempre la più significative, la più vera!

  • Hai ragione Ester, stamane ho trovato il tuo commento che mi ha riportato a questi versi che mi hanno profondamente colpito la prima volta e hanno replicato la sensazione anche oggi, come allora. Difficile trasmettere in parole, una specie di squarcio nell'interiore che ha liberato un dolore e una percezione similitudine di altri sentire. Indubbiamente molto penetrante e penso che Cristiano sia da ringraziare per queste emozioni...
    Un caro abbraccio...

    Ultima modifica commento 8 mesi fa da Carmen Cantatore
  • Grazie, anche per me ogni volta è così, pensando che non diamo mai troppo valore a quello che facciamo, o ne diamo troppo alle cose sbagliate. Una volta si diceva che chi scrive poesie, anche fossero migliaia, non ne ha mai più di dieci "speciali". Dopo anni ora so che questa è fra quelle, mentre l'ho sempre considerata poco, un po' come certi amori di cui comprendiamo il valore solo quando sono già sfuggiti dalle dita.

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



A compiacersi del semplice ci vuole un’anima grande. (Arturo Graf)
A compiacersi del semplice ci vuole un’anima grande. (Arturo Graf)
  • Nessun messaggio da mostrare.
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 52
  • Ospiti: 163
53 Utenti 513 Articoli 738410 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop