nuovapoesia.com Scrittori e Poeti del Web

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1

Accedi per votare il brano


Gradimento medio 5.00(Voti 1)
Scritto da Gisella Ruzzu. Pubblicato in Poesie il 14 Gen 2017.
Hot 2613 visualizzazioni 0 preferiti

I

Sono un vulcano
che non può esplodere,
un fiore
che non può sbocciare.
E covo dentro di me
un groviglio di parole,
di suoni, di luci
che non trovano forma,
non nascono,
mi opprimono,
mi lacerano.
Che vita la mia!
Rinchiusa dentro un macigno
dove non sono
ciò che vorrei,
ciò che dovrei.
Non sono.
Mi sento colei che non è.

II

Vivo in pieghe d'ombra
nascosta e schiva,
né proferisco voce
che possa disturbare.
E intanto
sogno d'intessermi
al drappo lacerato
dell'umanità.

III

Rimbalzano le mie parole
e mi ritornano affilate,
m'infilzano anche se nessuno
hanno scalfito, nè qualcosa.
Forse neppure sono evase
oltre la bolla che mi chiude.
Mi sento come il pesce rosso
che boccheggia afono, impotente
e invano si violenta il muso
battendo il vetro che lo incarcera.


Gisella Ruzzu

21 113 23

  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

Guarda tutti gli scritti di Gisella Ruzzu

Le sue ultime pubblicazioni:

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Se il proprio treno è in ritardo, la coincidenza partirà in perfetto orario.(A.Bloch, La legge di Murphy)
Se il proprio treno è in ritardo, la coincidenza partirà in perfetto orario.(A.Bloch, La legge di Murphy)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 54
  • Ospiti: 531
58 Utenti 744 Articoli 2033693 Visite agli articoli 20 Web Links

Grazie da Nuovapoesia

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   Timeline