nuovapoesia.com Scrittori e Poeti del Web

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1

Accedi per votare il brano


Gradimento medio 5.00(Voti 1)
Scritto da Francesco Marco Narrastrofe. Pubblicato in Poesie il 06 Gen 2017.
Hot 2224 visualizzazioni 0 preferiti

Mi sono chiuso fuori,
a perder tempo, a prendere aria,
ma guardar quel tempo, tu muori.
Canta d'autunno la nebbia visionaria,
i versi del levante, incupir i tuoi fiori.

Cosa vuol dir volare nella mente?
Sai quanti cieli coperti a bitume,
che non so spiegare o far finta di niente.
Parli nel sonno, ma quello riassume,
planar spasmi di gambe, il sogno consente.

Brevi parole piangono macigni,
ma non crescono croci sulle spalle.
A frammenti mastichiamo quegli aspri legni,
di scaglie abbracciamo il nodoso scialle,
robusti tralci d'anima come sostegni.

Mi sono chiuso l'anima dentro.
Cieli d'azzurro le mie solitudini,
a cui voglio bene, a cui vado incontro.
Nei prati del mio universo, le sue moltitudini,
salmastre rive fioriscono giunchi amaranto al centro.


Francesco Marco Narrastrofe

61 352 64

  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

Guarda tutti gli scritti di Francesco Marco Narrastrofe

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Le cose più belle della vita o sono immorali, o illegali, oppure fanno ingrassare. (G.B.Shaw)
Le cose più belle della vita o sono immorali, o illegali, oppure fanno ingrassare. (G.B.Shaw)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 54
  • Ospiti: 254
58 Utenti 726 Articoli 1381273 Visite agli articoli 20 Web Links

Grazie da Nuovapoesia

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   Timeline