Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Interiore e inviolata solitudine

Non posso aspettare che muoia

perché il silenzio della pace,

mi avvolga nel suo manto.

 

Ricerco l’assoluto                                                   

lontano dai rumori

della frenetica esistenza,

dal trambusto 

fragoroso e assordante

del nevrotico ordinario.                                         

Zibaldoni di voci        

strepitanti, stridori, 

disturbano il riflesso

del riposto pensiero.

 

Vorrei che compagna

mi fosse interiore

e inviolata solitudine.

                                                   Gianfranco PASANISI

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
2 Non mi piace0
5 1 1 1 1 1 Gradimento medio 5.00 (Voti 1)