Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

Ogni acquisto aiuta Nuovapoesia

Ogni acquisto fatto tramite questo banner aiuta Nuovapoesia

5 1 1 1 1 1 Gradimento medio 5.00 (Voti 1)
Scritto da Carmen Cantatore. Pubblicato in Poesie il 19 Nov 2016.
Hot 938 visualizzazioni 0 preferiti

Albergare denso di nulla

dentro il viaggiare di menti lontane.

Cercano un mare sotto le reti

gonfie di sogni e di minareti...

Tacciono mute le stelle cadenti

offrono solo un lento brillare.

Case di latte e dentro le genti.

Case scoperte senza rancore,

senza disegno, senza dolore,

vecchie, squallide, grigie dimore.

Guardo la folla e penso che muore

sotto uno strale degno del cuore,

intimo, immane è il suo percepire

sotto la cenere è caldo sentire.

Morto è l'antico sapore che attende,

sornione, capace di colpo ferire...

Ho ancora le voci dentro la testa,

esplodono insieme come faville.

Sono lucciole del mio meditare,

sono campane del mio preservare.

Lontano mi porta questo viaggiare,

oltre crisalidi dell'universo

degne galassie del primo mattino,

bianchi cristalli sul mio cammino.

Bagaglio pesante e gonfio d'Amore

alla finestra attendo il mio attore...

Attendo che nulla trapassi la mente,

attendo e il nulla fiorisce impaziente.


Carmen Cantatore

79 600 81

2 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Carmen Cantatore

Le sue ultime pubblicazioni:

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Ancora una personalissima tavolozza di ricordi che il cuore conserva e l'anima interroga, per non dimenticare il passato e chi ci è stato caro.
    Sempre piacevole leggerti e rileggerti, che tanti sono i significati e i sentimenti intrappolati per sempre nei tuoi versi!

  • Ester, i tuoi commenti sono sempre molto graditi. Hai la capacità di cercare entro le strofe, cogliendo l'inespresso svelato e custodito al tempo, mi sorprendi cara. Questa è uscita come una farfalla dalle mani che la trattenevano. Nemmeno io riesco a darmene una spiegazione, sono molte le cose che scrivo d'istinto ma questa è uscita senza un attimo di pausa. Il mio Mentore dice che stava in attesa dell'attimo giusto, dello spirito pronto. Grazie di cuore

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo. (Voltaire)
Disapprovo ciò che dici, ma difenderò alla morte il tuo diritto di dirlo. (Voltaire)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 51
  • Ospiti: 333
54 Utenti 505 Articoli 568075 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop