Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1
Scritto da Carmen Cantatore. Pubblicato in Poesie il 15 Nov 2016.
Hot 884 visualizzazioni 0 preferiti

 

Rimescolavo con le mani nude

tra i carboni ardenti nel turibolo.

 

Terebinto.

Ne ho plasmato l'amaro legno

e consacrato il cuore in agre bacche

di passito cremisi 'ché agli occhi miei

saturo fuggì il sacro rito del profano.

 

Stirpe Sacerdotale.

Nel lago oscuro dei turbamenti

l'olio, sparso tra le rosse braci,

fiamme divampò e immani ustioni

al cuore, ruppe nel grido subitaneo

lacerando oracoli di aruspici.

 

Depose i paramenti.

Di muti tabernacoli odo memoria

che d'oltre i secoli fuggì come sabbia

tra le dita dell'eternità ormai svanita.

E custodisco io le tue vestigia

acché nel grembo vanamente sterile

non abbia a nidificare il fallimento.

 

Né sacramento.

Purificati sono i templi miei sofferti

che lungi d'indomita essenza

quadrano la veglia e varcano la soglia.

Labirinti d'esodo, nel torrido deserto

son rifugio al cupo inganno d'ego

e lasceranno traccia indissolubile

nel tempo e nella memoria stanca.

 

* Hinneni è una parola in ebraico quadrato traslitterato che significa 'eccomi' - I patriarchi dell'Antico Testamento rispondevano ala chiamata della Divinità con questo lemma: 'hinnè' (ecco) e 'ni' (io/mi) - hinneni/eccomi


Carmen Cantatore

Autore: Carmen Cantatore

78 594 80

2 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Carmen Cantatore

Le sue ultime pubblicazioni:

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Nonostante il lessico ricercato, per me non facile in questa tua particolare, mi giunge eco di preghiera, inno e omaggio a chi si deve tutto. Non sono in grado di apprezzarla a fondo, perché troppo lontana dal mio pensiero. Questo nulla toglie al suo intrinseco valore.

  • Grazie Ester, credevo di averti risposto, perdonami. Toccano le tue parole, sono consapevole che il mio scritto è frutto di approfondimenti lontani dalla nostra cultura sebbene abbia spinto l'interiore in una crescita spirituale che ho abbracciato e custodito facendola mia. Vivo il quotidiano con gli echi del mio imparare...

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Chi pensa è immortale, chi non pensa è già morto. (Averroè)
Chi pensa è immortale, chi non pensa è già morto. (Averroè)
Carmen Cantatore - ha risposto al commento n. 731 di Morgana
ester - Ha commentato Morgana
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 50
  • Ospiti: 112
51 Utenti 495 Articoli 511009 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop