Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Fiumi d'inchiostro perduto...

Nella notte delle Arietidi

s'insinua il cuore frastagliato

nei fiordi oscuri dei tuoi occhi.

Parlami ancora.

Polveri di Quadrantidi,

dalla profondità divampano i cieli

e sarà luce! Non dura a lungo la notte,

come ogni notte si spegne nell'aurora

e il mio cuore divide pezzettini

nei fiordi oscuri dei tuoi occhi...

Ardenti, laceranti.

Parlami ancora!

Gocciola su me

il miele e il fiele... 

Nell'oscurità della notte,

placido mormora il fiume.

Non più grilli, è acqua immane.

Ma greve non sia il tuo sognare.

Parlami ancora.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
2 Non mi piace0
5 1 1 1 1 1 Gradimento medio 5.00 (Voti 1)