Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

nuovapoesia.com

5 1 1 1 1 1 Gradimento medio 5.00 (Voti 1)
Scritto da Cristiano Sias. Pubblicato in Poesie il 01 Nov 2016.
Hot 2221 visualizzazioni 0 preferiti

mammaneg.jpg

 

Biscotti posati su tovaglie di lino
riflessi di luce sul latte caldo
anche oggi abbiamo gli occhi stanchi
in questo giorno che si rifà colore

é vero, non parlo mai di te
delle vite che insieme abbiamo vissuto
immobile davanti al tuo richiamo
ti rivedo ogni sera molto tardi
al mattino appena un saluto distratto
per non sentirmi chiedere dove vai
fino ad oggi dove sei andato
solo uno sguardo ai tuoi capelli bianchi
senza farti mai sorrisi o domande
perché tanto tu sai tutte le risposte.
Le mie parole sono radioline mute
vibranti di dolcezza dentro me
con il suono lontano della tua voce
se ti sfuggissi ora mi sentirei colpevole
ascoltando i tuoi pacati rimproveri
davanti alla mia testa piegata
se ti mostrassi i miei pensieri
mi accorgerei che già li conosci
sereno come sempre di restarti accanto
per avere ancora il tuo conforto
anche se ho torto, o ragione
ti rivedo sul brillare del mare
con il chiarore dei tuoi occhi
turbato appena dal mio eterno brontolare.
Non ho mai smesso di giocare
laggiù alla fine del sentiero
guardando ogni tanto per vedere se ci sei
col sorriso pieno della poesia che mi hai lasciato.
Quando ritornerai, solo io sarò qui
voglio che mi ritrovi come ero
con quella stupita tristezza
che solo tu sapevi capire

é vero, non ti parlo mai
mi sembrerebbe di parlare a me stesso
tenendomi per mano e ricordando
di non sprecare neanche un minuto
della vita che mi hai dato
con i miei capelli oramai come i tuoi
con i piedi saldi della tua saggezza
quella lentezza che ti faceva sospirare
sempre guardando il brillare del mare.


Forse un giorno fra quelle onde
getterò la tua foto ingiallita
prima che qualcuno si chieda chi eri mai
tu che sei la mano del mio cuore addormentato
in tutti i miei dubbi di uomo solo
in tutti gli istanti che ho vissuto
della vita che mi hai dato.

Cagliari 27/1/1974 - Nice (France) 5/11/2001

A Francesca Corrias, a tutte le mamme del mondo che non ci sono più.


Cristiano Sias

Autore: Cristiano Sias

41 468 45

prova
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
1 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Cristiano Sias

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Più che la madre vi riconosco la nonna che riuscì a supplire un ruolo fondamentale nella vita di un bambino/a pure nelle brevi e occasionali visite nella casa di campagna. Nonostante ciò e dalla tua descrizione invidio il riferimento materno che così caro esprimono i tuoi versi. Chissà quant'altro...

  • "... col sorriso pieno della poesia che mi hai lasciato"

    e te ne ha lasciata veramente molta! Tutto regala e trasmette una madre e tutto è prezioso esempio di vita, impossibile da scordare, ormai mescolato al sangue che ci scorre dentro. Parlare... è inutile, hai ragione. Bastava uno sguardo... ed anche ora il pensiero torna consapevole della loro approvazione o... ma sappiamo che perdonavano sempre, madri o padri che ci hanno amato tanto. Molto commuovente questo omaggio al ricordo indelebile, di cui sei anche geloso e butterai la foto un giorno... ti capisco.

Se il mio bacio t'offende, se ti sembra un castigo, puniscimi anche tu: rendimi il bacio! (C.V.Catullo)
Se il mio bacio t'offende, se ti sembra un castigo, puniscimi anche tu: rendimi il bacio! (C.V.Catullo)
ester - ha risposto al commento n. 727 di La Notte
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 50
  • Ospiti: 401
50 Utenti 490 Articoli 494622 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop