nuovapoesia.com Scrittori e Poeti del Web

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1

Accedi per votare il brano


Gradimento medio 0.00(Voti 0)
Scritto da Gianfranco Pasanisi. Pubblicato in Poesie il 08 Ott 2016.
Hot 2304 visualizzazioni 0 preferiti

Grava canicola rovente su arsi bronchi,

vecchiezza di flora un dì verdeggiante.

Picea biscia  sonnecchia distesa

su aprico sasso strappato alla terra.

Friniscono cicale gaudenti

abbriccate su rami rugosi

e su strameggiato stradone,

siccitoso ragnatelo

tra piante dall'arido stelo,

s'inseguono lucerte in rito d'amore

cercando ricetto nel dioico lentisco

o nei rovi dai dolci frutti d'aprone.

Frotte di secolari ulivi,

cavi i tronchi e scarni i rami,

al suon del vento,

danzan giulivi

con strormir

di chiome ondeggianti

or verdi or argentee,

ad invocar avara pioggia

che qui non si concede.

Abbagli di luce cocente

che abbrucia d'intorno

su stipe d'oro scintillante

che all'occaso s'accende di rosso

Afa ristagna nei campi

della calura agli ultimi vampi

 

                                                   Gianfranco Pasanisi

 

Gianfranco Pasanisi

54 176 57

  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

Guarda tutti gli scritti di Gianfranco Pasanisi

Le sue ultime pubblicazioni:

FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Non esiste notte tanto lunga che impedisca al sole di risorgere. (J.Morrison)
Non esiste notte tanto lunga che impedisca al sole di risorgere. (J.Morrison)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 54
  • Ospiti: 214
58 Utenti 744 Articoli 2036775 Visite agli articoli 20 Web Links

Grazie da Nuovapoesia

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   Timeline