nuovapoesia.com Scrittori e Poeti del Web

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1

Accedi per votare il brano


Gradimento medio 5.00(Voti 1)
Scritto da Cristiano Sias. Pubblicato in Poesie il 12 Giu 2016.
Hot 5183 visualizzazioni 1 preferiti

Tu, contadino che strappi gramigna
fra gli acini caduti dalla vite
e mostri ai rovi fiero la scigrigna
non stupirti se trovi margherite.

Sorsero come timidi germogli
pacati nel parlare e sorridenti,
il dubbio insinuando in altrui fogli,
odio nel guardo con l'amor fra i denti.

Della lingua deriso il verso fiero
dai petali risorti in terra incolta
la folla fu a contendere il sentiero
d'amar desiderosa un'altra volta.

Mentre piangeva Italia sopra il verbo
d'ogni infinito ed infangato vate
dalle pietre sortì l'oltraggio acerbo,
in volgo urlante non serve ch'urliate.

La troppa solitudine nel mondo
d'ogni loquace uomo fa un profeta,
squallore ne risveglia il bassofondo
quando menzogna è ancora la sua meta

e se mente si scherma e si fa dura
dall'ombre il cuore non afferra il senso,
dal buio reso opaco e da calura,
d'arnie ricolme del miele più denso.

O villico, uguale in varia storia
nell'ardua strada dei poeti magni,
d'ogni frustata vanità si gloria
nella stalla non ti convien si lagni.

 

(Quando tutti disapprovano tutto ciò che fai, per soddisfare l'immagine che loro hanno di te, non è mai troppo tardi per realizzare se stessi)


Cristiano Sias

73 1056 79

  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

Guarda tutti gli scritti di Cristiano Sias

Le sue ultime pubblicazioni:



Avatar di Cristiano Sias
Cristiano Sias ha risposto alla discussione #1 16/06/2016 00:18
Qui mi era sfuggita, ti ho risposto di là. Grazie, non so se le pietre in poesia facciano meno male, di certo i lividi restano più a lungo e ti accompagnano nella tua continua lotta, a volte anche contro incredibili mulini a vento, in questa cosa meravigliosa che è la vita.
Avatar di ester
ester ha risposto alla discussione #2 14/06/2016 23:50
Sono tornata con la speranza di poter leggere altri commenti che mi potessero illuminare nell'interpretazione di questo stupendo mosaico.
Gli endecasillabi e le rime alternate le avevo già notate, ma altro mi sfugge e nessuno m'aiuta... cos'è quell'oltraggio acerbo sortito dalle pietre? E perché sembra sempre trionfare la menzogna? Bella e velata... questa Poesia!
FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Non permettere alle tue ferite di trasformarti in qualcuno che non sei. (P.Coelho)
Non permettere alle tue ferite di trasformarti in qualcuno che non sei. (P.Coelho)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 54
  • Ospiti: 244
58 Utenti 743 Articoli 1942232 Visite agli articoli 20 Web Links

Grazie da Nuovapoesia

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   Timeline