Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto e la sicurezza nella navigazione.
( Normativa europea - Decreto legislativo 69/2012 e 70/2012,  provvedimento del garante privacy  8/4/2014, gazzetta ufficiale 126 3/6/2014,  obbligo di legge dal 3/6/2015) .

La presente Cookie Policy è relativa al sito www.nuovapoesia.com (“Sito”) gestito e operato da Cristiano Sias, via G.Mazzini 48, 15060 Vignole Borbera (AL), C.F. SSICST54P05E004Z (“Cristiano  Sias").

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:
I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:
I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre il Sito utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Il Sito non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; il Sito a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy del Sito si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:
I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.

Cookies essenziali:
Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:
Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Cookies di condivisone sui Social Network:
Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di CookiePrima parte Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàRecuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
DurataCookie persistente
  
2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàMemorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)
  
3) Tipologia di CookiePrima parte - Funzionale
ProvenienzaNuovapoesia
FinalitàPersonalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)


Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permette di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto dal Sito stesso.

nuovapoesia.com

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Scritto da Antonio Balia. Pubblicato in Poesie il 19 Mag 2016.
Hot 1289 visualizzazioni 1 piaciuti

CANTU NOTURNU DE UNU PASTORE ERRANTE DE S'ASIA

Ite faghes, tue, luna, in chelu? Narami, ite faghes,

mutiga luna?

Naschis su sero, e moves,

amirande sos desertos; e ti potzas.

Galu non ses istraca

de s’anda e torra in cussu eternu chelu?

 

E non ti venit a ifadu, e galu ti disitzas

de mirare custas baddes?

Assimitzat a sa vida tua

sa vida de su pastore.

Essit a primu arbore

movet sa roba foras de tanca, e videt

tatzos, funtanas e ervas;

e istracu si pasat a su sero:

e nudd’ateru disitzat.

 

Narami, o luna: a ite balet

a su pastore sa vida sua,

sa vida bostra a bois? Narami: a ue mirat

custu curtzu andariolare meu

e su mover tuo chene fine?

 

Betzu, pilicanu, istracu

mesu chintu e iscurtzu

e cun d’un’asche manna de linna a coddu

in montes, baddes

perdiarjos, arenarjos, e padentes

a su ventu, a sa trumentas, e cando caentat

s’ora, e cando apustis astraorat

 

curret bia, curret, abramat

traessat rios e istanios

urrughet, risorghet, e prus e prus s’apressat

chene asseliu e ristoru,

istratzoladu, sambenande, infinis c’arribat

a su chi fiat mirande

e ue su tantu vaticare vortaiat:

ispentumu orrorosu, immensu,

ue issu ispentumande, totu cantu l’iserghiat.

 

Virgine luna, tale

est sa vida mortale.

S’omine naschit a gherra

e nd’est rischiu de morte su naschimentu.

Provat pena e turmentu

in su momentu; e in su matessi tempus

sa mamma e su babbu

lu cossolant a sa vida chi est naschidu.

 

E cando venit creschende,

ambos e duos lu sustenint, e gai pro semper

in atos e allegas

chircant de l’acoratzire,

e de l’imbiare a sa resone:

chi l’est che grassia manna

agradeschia dae s’erentzia bella issoro.

 

Ma pro ite dare a su sole,

pro ite mantenner in vida

si apustis tocat de la cunfortare?

Si sa vida est isagura

pro ite la sustenimus?

Luna geniosa e bella, tale

est s’andala mortale.

 

Ma de mortu tue non ses,

e fortzis de su narrer meu non ti nd’abales.

Si puru, sola, e semper in biatzu

e in pensamentu, fortzis intendes

custa vida nostra 

su patimentu nostru, sue suspirare, chi siat:

 

chi siat custu morrer, custu soberanu

istramudire de cara

e nd’essire dae sa terra, e benner mancu

a cada comuna, geniosa cumpantzia.

 

E tue, tzertu, cumprendes

su ghetu de custas cosas, e vies su vrutu

de su mantzanu, de su sero

e de su geniosu andare de su tempus.

Tue lischis, tue tzertu, a cale amore durche

ridat su veranu;

a chie li profetat s’istìu: e ite causat

s’iverru fritoridu.

 

Milli cosas lischis tue, e milli nd’iscuperis

chi cuadas li sunt a su pastore.

E cada tantu chi t’amiro

istande muda supra de sa campura deserta

chi, a s’oritzonte, cunfinat cun su chelu;

o fintzas cun su tatzu de roba mea

sighindemi viatzande a manu a manu;

e cando in chelu miro vampas de isteddos;

mi naro intro pensande:

a ite totu custos lucoreddos?

 

Ite faghet s’aghera chene fine, e cussu prufundu

serenu infinidu? Ue nd’est su sensu de custu

desertu immensu? E deo ite so?

 

Goi pro cussu resono. E de s’istantzia

ismisurada e superba

e de sa familia innumerada;

apustis de tantu afannu, de tantos moimentos

de cada tzeleste, cada terrena cosa,

 

tzirande chene pasu

pro torrare semper dae ue sunt partias;

usu perunu e nen frutu

addivinare non resesso. Ma tue de tzertu,

tzovinedda immortale, connosches totu cantu.

 

Custu deo connosco e sento,

chi de sos tziros eternos,

e de sa dilichesa mea, 

carchi vene o cuntentesa

fortzis ater at a tenner; ca pro mene, vida mi daet male.

 

O tatzu de roba mea pasande, oh tue biada

e sa miseria tua, credo, non connoscas!

 

Cantu imbidia chi ti tentzo!

Non solu pro ca dae s’afannu

belle iscotia ti c’andas;

cun cada istentu, cada dannu,

cada istremu reselu andas in presse irmenticande;

e mancu mai t’intendes infadande.

 

Cando tue sedes in s’umbra, supra de s’erva

tue semper ses chieta e cuntenta;

e parte manna de s’annu

chene cumbata peruna colas gai su tempus.

E puru deo sedo supra s’erva, in s’umbra

e unu vastitzu faghet pesare

sa mente, e un’ispronada belle mi punghet

chi puru, sedende: che so semper indedda

dae mi vider in paghe o in asseliu.

 

E nudd’ateru disitzo

e in resone non mi sento de prantu.

Su chi tue gudis e cantu

non isco narrer; ma fortunada ses.

E deo godo galu pagu

o tatzu de roba mea, e nen de custu solu mi lamento.

Si tue allegare dias lischire, ti dia dimandare:

- Narami: a ite si dispostu

in bellu pasu, irfainadu,

s’apaniat cada animale:

mentres, si mi corco deo a pasare, su vastitzu si nd’abbalet? –

 

Fortzis si aere tentu deo sas alas

e poder bolare supra de sas nues

e contitzare sos isteddos unu a unu

o che su tronu chi errat dae punta in punta de monte

prus cuntentu dia esser, durche e bellu tatzu de roba mea

prus cuntentu dia esser, crara e bella luna.

 

O fortzis, che so indedda dae su veru

mirande ateras sortes, in custu pessu meu:

fortzis in cada ghetu, in cale istadu

si siat, intro de sa cala o sa chillia,

est lutuosu a chie naschit in die de natale.

 

-- Bortadura in limba sarda de Antoni Balia


Antonio Balia

Autore: Antonio Balia

8 53 9

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
4 Non mi piace0
5 1 1 1 1 1 Gradimento medio 5.00 (Voti 3)

Guarda tutti gli scritti di Antonio Balia

Vota questa pubblicazione

55

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Ovviamente non posso apprezzarne in pieno la musicalità, non conoscendo questo dialetto e quindi non potendo leggere il testo con la necessaria cadenza, ma immagino sia perfetto e solo l'impresa già merita encomio. Tradurre un classico in altro idioma è già di per sé difficile e qui mi pare che il testo sia fedele all'originale.
    Sicuramente qualcuno qui saprà apprezzare più di me. Intanto complimenti!

  • In risposta a: ester

    Ti capisco e ti assicuro, cara Ester, che scrivere e leggere il sardo se non si è allenati non è facile manco per noi. La traduzione è stata faticosa, ma la musicalità del testo anche in versione originale mi ha spinto a insistere; e vada quindi come vuole...
    Grazie per la lettura il commento e la tua costante presenza in Nuovapoesia. Ciao

    Ultima modifica commento 2 anni fa da Antonio Balia
  • In risposta a: Antonio Balia

    Grazie a te... con l'occasione ho riletto anche il testo originale (tanto per orientarmi, non lo ricordavo tutto a memoria): non fa mai male!

  • Provo ammirazione, commozione. Meriterebbe una traduzione, per chi non può comprendere...sa bortadura.

  • I miei ricordi sardi risalgono ai Tazenda che già allora mi conquistarono col loro stile.
    Poi sono stata in Sardegna e ho percepito a viva voce la musicalità di questa "lingua"...
    Da alcuni anni studio l'ebraico e devo dire che sono allenata alle chiusure ostiche di certe culture che, nonostante tutto, mi hanno insegnato a riconoscere una musicalità anche se diversa da quella che ci appartene.
    La considero una sfida, nulla m'intriga di più dell'ebraico (difficilissimo leggerlo) che mi ha allenata a nuove musicalità...
    Bravissimo, per me tradurre è un po' tradire ma in questo caso lo considero una forma di eroismo! Grazie

Giovedì, 18 Ottobre 2018 06:55
Giovedì, 18 Ottobre 2018
La vita è una lotta dalla quale non possiamo ritrarci. (Padre Pio)

  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 53
  • Ospiti: 141
54 Utenti 449 Articoli 29 Web Links 281108 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop