Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

nuovapoesia.com

5 1 1 1 1 1 Gradimento medio 5.00 (Voti 3)
Scritto da Antonio Balia. Pubblicato in Poesie il 19 Mag 2016.
Hot 1943 visualizzazioni 1 preferiti

CANTU NOTURNU DE UNU PASTORE ERRANTE DE S'ASIA

Ite faghes, tue, luna, in chelu? Narami, ite faghes,

mutiga luna?

Naschis su sero, e moves,

amirande sos desertos; e ti potzas.

Galu non ses istraca

de s’anda e torra in cussu eternu chelu?

 

E non ti venit a ifadu, e galu ti disitzas

de mirare custas baddes?

Assimitzat a sa vida tua

sa vida de su pastore.

Essit a primu arbore

movet sa roba foras de tanca, e videt

tatzos, funtanas e ervas;

e istracu si pasat a su sero:

e nudd’ateru disitzat.

 

Narami, o luna: a ite balet

a su pastore sa vida sua,

sa vida bostra a bois? Narami: a ue mirat

custu curtzu andariolare meu

e su mover tuo chene fine?

 

Betzu, pilicanu, istracu

mesu chintu e iscurtzu

e cun d’un’asche manna de linna a coddu

in montes, baddes

perdiarjos, arenarjos, e padentes

a su ventu, a sa trumentas, e cando caentat

s’ora, e cando apustis astraorat

 

curret bia, curret, abramat

traessat rios e istanios

urrughet, risorghet, e prus e prus s’apressat

chene asseliu e ristoru,

istratzoladu, sambenande, infinis c’arribat

a su chi fiat mirande

e ue su tantu vaticare vortaiat:

ispentumu orrorosu, immensu,

ue issu ispentumande, totu cantu l’iserghiat.

 

Virgine luna, tale

est sa vida mortale.

S’omine naschit a gherra

e nd’est rischiu de morte su naschimentu.

Provat pena e turmentu

in su momentu; e in su matessi tempus

sa mamma e su babbu

lu cossolant a sa vida chi est naschidu.

 

E cando venit creschende,

ambos e duos lu sustenint, e gai pro semper

in atos e allegas

chircant de l’acoratzire,

e de l’imbiare a sa resone:

chi l’est che grassia manna

agradeschia dae s’erentzia bella issoro.

 

Ma pro ite dare a su sole,

pro ite mantenner in vida

si apustis tocat de la cunfortare?

Si sa vida est isagura

pro ite la sustenimus?

Luna geniosa e bella, tale

est s’andala mortale.

 

Ma de mortu tue non ses,

e fortzis de su narrer meu non ti nd’abales.

Si puru, sola, e semper in biatzu

e in pensamentu, fortzis intendes

custa vida nostra 

su patimentu nostru, sue suspirare, chi siat:

 

chi siat custu morrer, custu soberanu

istramudire de cara

e nd’essire dae sa terra, e benner mancu

a cada comuna, geniosa cumpantzia.

 

E tue, tzertu, cumprendes

su ghetu de custas cosas, e vies su vrutu

de su mantzanu, de su sero

e de su geniosu andare de su tempus.

Tue lischis, tue tzertu, a cale amore durche

ridat su veranu;

a chie li profetat s’istìu: e ite causat

s’iverru fritoridu.

 

Milli cosas lischis tue, e milli nd’iscuperis

chi cuadas li sunt a su pastore.

E cada tantu chi t’amiro

istande muda supra de sa campura deserta

chi, a s’oritzonte, cunfinat cun su chelu;

o fintzas cun su tatzu de roba mea

sighindemi viatzande a manu a manu;

e cando in chelu miro vampas de isteddos;

mi naro intro pensande:

a ite totu custos lucoreddos?

 

Ite faghet s’aghera chene fine, e cussu prufundu

serenu infinidu? Ue nd’est su sensu de custu

desertu immensu? E deo ite so?

 

Goi pro cussu resono. E de s’istantzia

ismisurada e superba

e de sa familia innumerada;

apustis de tantu afannu, de tantos moimentos

de cada tzeleste, cada terrena cosa,

 

tzirande chene pasu

pro torrare semper dae ue sunt partias;

usu perunu e nen frutu

addivinare non resesso. Ma tue de tzertu,

tzovinedda immortale, connosches totu cantu.

 

Custu deo connosco e sento,

chi de sos tziros eternos,

e de sa dilichesa mea, 

carchi vene o cuntentesa

fortzis ater at a tenner; ca pro mene, vida mi daet male.

 

O tatzu de roba mea pasande, oh tue biada

e sa miseria tua, credo, non connoscas!

 

Cantu imbidia chi ti tentzo!

Non solu pro ca dae s’afannu

belle iscotia ti c’andas;

cun cada istentu, cada dannu,

cada istremu reselu andas in presse irmenticande;

e mancu mai t’intendes infadande.

 

Cando tue sedes in s’umbra, supra de s’erva

tue semper ses chieta e cuntenta;

e parte manna de s’annu

chene cumbata peruna colas gai su tempus.

E puru deo sedo supra s’erva, in s’umbra

e unu vastitzu faghet pesare

sa mente, e un’ispronada belle mi punghet

chi puru, sedende: che so semper indedda

dae mi vider in paghe o in asseliu.

 

E nudd’ateru disitzo

e in resone non mi sento de prantu.

Su chi tue gudis e cantu

non isco narrer; ma fortunada ses.

E deo godo galu pagu

o tatzu de roba mea, e nen de custu solu mi lamento.

Si tue allegare dias lischire, ti dia dimandare:

- Narami: a ite si dispostu

in bellu pasu, irfainadu,

s’apaniat cada animale:

mentres, si mi corco deo a pasare, su vastitzu si nd’abbalet? –

 

Fortzis si aere tentu deo sas alas

e poder bolare supra de sas nues

e contitzare sos isteddos unu a unu

o che su tronu chi errat dae punta in punta de monte

prus cuntentu dia esser, durche e bellu tatzu de roba mea

prus cuntentu dia esser, crara e bella luna.

 

O fortzis, che so indedda dae su veru

mirande ateras sortes, in custu pessu meu:

fortzis in cada ghetu, in cale istadu

si siat, intro de sa cala o sa chillia,

est lutuosu a chie naschit in die de natale.

 

-- Bortadura in limba sarda de Antoni Balia


Antonio Balia

20 93 22

4 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Antonio Balia

Le sue ultime pubblicazioni:

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Ovviamente non posso apprezzarne in pieno la musicalità, non conoscendo questo dialetto e quindi non potendo leggere il testo con la necessaria cadenza, ma immagino sia perfetto e solo l'impresa già merita encomio. Tradurre un classico in altro idioma è già di per sé difficile e qui mi pare che il testo sia fedele all'originale.
    Sicuramente qualcuno qui saprà apprezzare più di me. Intanto complimenti!

  • Ti capisco e ti assicuro, cara Ester, che scrivere e leggere il sardo se non si è allenati non è facile manco per noi. La traduzione è stata faticosa, ma la musicalità del testo anche in versione originale mi ha spinto a insistere; e vada quindi come vuole...
    Grazie per la lettura il commento e la tua costante presenza in Nuovapoesia. Ciao

    Ultima modifica commento 4 anni fa da Antonio Balia
  • Grazie a te... con l'occasione ho riletto anche il testo originale (tanto per orientarmi, non lo ricordavo tutto a memoria): non fa mai male!

  • Provo ammirazione, commozione. Meriterebbe una traduzione, per chi non può comprendere...sa bortadura.

  • I miei ricordi sardi risalgono ai Tazenda che già allora mi conquistarono col loro stile.
    Poi sono stata in Sardegna e ho percepito a viva voce la musicalità di questa "lingua"...
    Da alcuni anni studio l'ebraico e devo dire che sono allenata alle chiusure ostiche di certe culture che, nonostante tutto, mi hanno insegnato a riconoscere una musicalità anche se diversa da quella che ci appartene.
    La considero una sfida, nulla m'intriga di più dell'ebraico (difficilissimo leggerlo) che mi ha allenata a nuove musicalità...
    Bravissimo, per me tradurre è un po' tradire ma in questo caso lo considero una forma di eroismo! Grazie



Avatar di Cristiano Sias
Cristiano Sias ha risposto alla discussione #117 25/05/2016 10:15
Lavoro ammirevole e prezioso. Sto facendo un lavoro simile al contrario, dal sardo arcaico di fine ottocento all'italiano. E' immane, quasi novecento ottave, ora che il sito è online lo riprenderò spero... di 8 canti sono ancora al terzo.
Avatar di Antonio Balia
Antonio Balia ha risposto alla discussione #116 24/05/2016 08:59
Si Cristiano, la traduzione è mia. Leggevo e rileggevo il testo del Sommo e confrontandolo col mio dialetto, barbaricino, mi rendevo conto delle buone assonanze ed andavo sempre più convincendomi che forse valeva la pena inoltrarmici. Per ultimarla ho impiegato quasi sei mesi. E' stato anche il primo brano tradotto... di una lunga serie.
FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



A compiacersi del semplice ci vuole un’anima grande. (Arturo Graf)
A compiacersi del semplice ci vuole un’anima grande. (Arturo Graf)
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 50
  • Ospiti: 169
51 Utenti 496 Articoli 513000 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop