Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

Ogni acquisto aiuta Nuovapoesia

Ogni acquisto fatto tramite questo banner aiuta Nuovapoesia

Ogni acquisto aiuta Nuovapoesia

4.885

4.875 1 1 1 1 1 Gradimento medio 4.88 (Voti 8)
Scritto da Francesco Marco Narrastrofe. Pubblicato in Poesie il 02 Mag 2016.
Hot 6455 visualizzazioni 1 preferiti

Sono il sale dentro la sabbia,
castello di terra unto di mare.
Sono l'onda che gioca e s'insabbia,
e nel suo mare si lascia annegare.

Dal limite dei miei dieci anni,
sul limitare di sere e di gioco,
giovane sguardo su mari sognanti,
mille scintille i riflessi del fuoco.

A dieci anni gli occhi son grandi,
divorano nuvole sui continenti,
grandi e profondi più dei giganti,
brezza sogna maestrale dei venti.

Un pescatore sa che luce del sole,
è sabbia di grano riflessa sul mare.
Ma un campo buio è la pesca al timone,
la notte feconda, lievita spighe di pane.

Traccia di terra in acque nere,
bambino sogna cuor di leone,
su questa terra sono io il bucaniere,
libeccio e polvere il mio galeone.

A dieci anni quel mare di pesca,
è fumo e visioni di luoghi corsari
bordate arrembaggio nella mia testa,
infiamma la miccia di cento spari.

"Quello è mio padre!" Traccia nel mare,
"E' mio padre!" Oltre la spiaggia
Dissolve il sentiero del suo navigare,
un punto lontano non lascia traccia.

Un giorno sarò buon pescatore?
priva di rotte è la notte oscura,
annegar sogni in mare, vivo il terrore,
pirata di terraferma, tremo paura.


Francesco Marco Narrastrofe

61 352 64

22 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Francesco Marco Narrastrofe

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare


Avatar di Francesco Marco Narrastrofe
Francesco Marco Narrastrofe ha risposto alla discussione #65 18/05/2016 22:11
Grazie cara Ester. In effetti è quasi l'ultima che ho scritto da quando ho iniziato a scrivere, cioè pochi mesi fa. Sto percorrendo una strada che ancora cerco e mi considero più un narra-strofe che poeta, ma questo scritto è quello a cui tengo di più.
Avatar di ester
ester ha risposto alla discussione #64 18/05/2016 20:06
... ci sono riuscita! Spero serva a far conoscere questa tua anche agli ultimi iscritti. Bravo.
FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Odio l'usata poesia: concede comoda al vulgo i flosci fianchi e senza palpiti sotto i consueti amplessi stendesi e dorme.(G.Carducci)
Odio l'usata poesia: concede comoda al vulgo i flosci fianchi e senza palpiti sotto i consueti amplessi stendesi e dorme.(G.Carducci)
Guarda la pagina di
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 52
  • Ospiti: 562
54 Utenti 511 Articoli 742136 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop