nuovapoesia.com Scrittori e Poeti del Web

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1

Accedi per votare il brano


Gradimento medio 0.00(Voti 0)
Scritto da Aurelio Zucchi. Pubblicato in Generale il 07 Ott 2023.
221 visualizzazioni 0 preferiti

Premessa

Nel maggio del 2007, non so per quale particolare motivo, il pensiero a mia madre è stato più forte del solito da quando il 22 Settembre 1989 l'ho persa. Così è nata questa poesia che nel luglio del 2008 ho deciso di rendere pubblica. Quando guardiamo alle nostre esistenze e a quelle che nel tempo diventano sempre più saldate al nostro io, si ha quasi l'idea che il personale bagaglio di affetti e sensazioni non possa essere "esportato". Credo che tutto ciò avvenga per un’errata interpretazione del delicato pudore o della delicata gelosia per tutto quanto attiene alle nostre esperienze più intime. Mia madre é mia e mia resterà per il resto dei tempi, naturalmente, ma ho voluto pensare a quanti, nel ricordo della propria, non trovano la forza e il coraggio di esprimere dolore, tenerezza ed affetto. Spero quindi che qualcuno/a possa identificarsi in questi versi e a quel qualcuno/a ritengo quasi giusto regalarli. Faccio tutto ciò nell’assoluta felicità del dare e nel ricordo, indistruttibile, di mia madre.

 

A mia madre

 

Se il tempo la smettesse

di ricordarmi la tua assenza,

avrei più tempo di vederti qui,

in carne ed ossa,

fianco a fianco.

 

Infilerei le curve del tuo viso,

riempirei i solchi della tua vecchiaia

e toccherei i cieli di quegli anni

come accadeva sempre

quando tu mi sorridevi.

 

Da questa età che avanza

ti guardo e ti riguardo ancora.

Mi frusta a sangue, oggi,

la smania d’afferrarti tutta

ma... neanche un lembo del vestito a fiori!

 

Se il tempo iniziasse

a fare rotta in quel passato,

avrei più tempo di rivederti lì,

in carne ed ossa,

fianco a fianco.

 

Se mi desse finalmente retta,

raschierei i miei errori

come quando, alla lavagna,

cancellavo i nomi dei cattivi

quando entrava la maestra.

 

*

Stesura 2007

 


Aurelio Zucchi

17 141 19

  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

Guarda tutti gli scritti di Aurelio Zucchi

FaLang translation system by Faboba
Non esiste notte tanto lunga che impedisca al sole di risorgere. (J.Morrison)
Non esiste notte tanto lunga che impedisca al sole di risorgere. (J.Morrison)

Guarda
le pagine personali

Pagine personali

Guarda le pagine personali

Pagine personali
  • Aurelio Zucchi
  • Giuseppe Diodati
  • Manuela
  • michela
  • raffaele
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 54
  • Ospiti: 229
58 Utenti 744 Articoli 2036775 Visite agli articoli 20 Web Links

Grazie da Nuovapoesia

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultime novità di Nuovapoesia sul tuo desktop   Timeline